La pittura ai tempi del Covid. Angela Pedonesi: «Imprimere i cambiamenti storici sulla tela». | Password Magazine

La pittura ai tempi del Covid. Angela Pedonesi: «Imprimere i cambiamenti storici sulla tela»

La mostra "Passaggi nell'Arte" a Palazzo dei Convegni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L'acquerellista e maestra d'arte Angela Pedonesi

JESI – Si terrà al Palazzo dei Convegni, da martedì 11 a lunedì 17 maggio (inaugurando l’11 alle ore 17), la mostra dal titolo “Passaggi nell’Arte“, esito finale del corso di pittura della Libera Università per Adulti di Jesi (Luaj), quest’anno svolto in parte online e su social come WhatsApp a causa delle restrizioni legate alla pandemia, in parte in piccoli gruppi a casa degli stessi alunni.

I lavori esposti riguardano la materia artistica in senso lato e le tecniche utilizzate sono state divise in base agli anni di frequenza degli studenti, partendo dal disegno di base fino all’olio e all’acquerello.

La mostra è a cura di Angela Pedonesi, insegnante di pittura della Luaj e presso Artesì Jesi, acquerellista che ha esposto all’International Watercolor di Fabriano e di Urbino e alla Biennale Premio Fondi, che descrive così la condizione dell’artista contemporaneo: «In questo periodo tutto si è fermato, ma i pittori continuano a creare anche ‘rinchiusi’ nelle loro abitazioni e le gallerie vengono momentaneamente sostituite dai social network. Si cerca di trarre un vantaggio per farne un periodo produttivo, anche scoprendo nuovi mezzi inaspettati per esprimerci».

A questa singolare edizione del corso hanno partecipato undici allievi: Alessandra Alessandri, Luisa AnderlucciRossana AngelettiRoberta Brecciaroli, Donatella Capo, Gaetano ColluraSerenella Ferranti, Maria Grazia Focardi, Giancarla Grilli, Elisabetta MartinelliMarina Sabbatini. «Disegnare mi ha aiutato molto a trascorrere il periodo di lockdown senza pensare al peggio, anche a distanza, copiando un disegno inviato online e postandolo. La nostra brava insegnante è stata sempre molto presente e disponibile ad aiutarci» racconta Roberta. «La vita ritirata è occasione per approfondire il dialogo con me stessa e la vicinanza emotiva ai miei familiari, com’è emerso anche dai soggetti che ho scelto di dipingere, in particolare i visi delle persone», aggiunge Maria Grazia, sottolineando l’effetto-sorpresa dell’acquerello: «L’acqua dà al lavoro leggerezza e imprevedibilità. E non sempre si comporta come previsto!». Alessandra e Luisa evidenziano invece gli aspetti benefici e terapeutici dell’arte: «Tutti hanno risorse inaspettate che, soprattutto nei momenti bui, riescono ad alleggerire gli animi. In tal senso il disegno mi ha aiutata a superare i lunghi periodi di solitudine prodotti dalla pandemia. D’altronde il primo scopo dell’artista sta nel trasmettere bellezza».

20210417_194400

Eppure in quest’anno, per chi ha fatto dell’arte la propria vita, non sono mancate le difficoltà. Prosegue infatti la maestra d’arte Angela Pedonesi: «Anche se abbiamo trasformato il limite in nuove possibilità espressive, allo stesso tempo noi artisti siamo stati penalizzati, esponendoci ad un futuro senza progetti. Il punto determinante è che molto sta cambiando, e continuerà a cambiare, nella nostra vita e nella nostra mente. Chi crea infatti può sentirsi svuotato dentro di sé perché ha bisogno di vedere e contemplare il mondo reale, cosa oggi molto difficoltosa».

In questo senso l’arte riacquista un significato ancor più profondo, agli occhi dell’artista: «Credo che attualmente la pittura sia a maggior ragione una sorta di avanguardia che rende l’autore ‘magmatico’, capace di intercettare e di interpretare il proprio tempo. Se penso alla mia tavolozza, i codici principali sono il concetto e il pensiero del dopo, oggi così ricorrente nell’immaginario collettivo. Mentre dipingo penso al lavoro che dovrà arrivare e inizio a ‘buttare giù’, sono già proiettata nel futuro, portando progressivamente alla luce qualcosa che prima non c’era, lasciando che l’azione trasformativa s’imprima sulla tela». Conclude a tal proposito Serenella, corsista al secondo anno da sempre appassionata d’arte: «Gli artisti e il mondo dell’arte dovrebbero entrare maggiormente nella vita di ognuno di noi, aiutandoci ad avere uno sguardo più ottimistico di fronte agli ostacoli».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.