Marco Filiberti e il suo film “Parsifal” al Teatro Pergolesi | Password Magazine

Festival Pergolesi

Marco Filiberti e il suo film “Parsifal” al Teatro Pergolesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Marco Filiberti, regista, sceneggiatore, drammaturgo, scrittore e attore, sarà a Jesi con la sua ultima opera cinematografica, “Parsifal”, che sarà proiettata al Teatro Pergolesi di Jesi giovedì 28 aprile alle ore 21, presente l’autore.

Film potente e unico, “Parsifal” è fra i 18 titoli scelti per la candidatura italiana agli Oscar 2022, ha vinto diversi festival nazionali e internazionali, fra cui il 39° Flickers’ Rhode Island Film Festival, l’Anticensura Film Festival 2021.

L’ecclettico artista sarà anche protagonista di un nuovo appuntamento di “Essere spettatore”, il ciclo di incontri curati da Pierfrancesco Giannangeli per imparare a leggere lo spettacolo dal vivo nel contemporaneo. L’incontro, giovedì 28 aprile alle ore 18 presso le Sale Pergolesiane, sarà ad ingresso gratuito, la proiezione delle ore 21 prevede un biglietto di ingresso di 5 euro (prenotazioni 0731 206888). In entrambe le occasioni, e grazie alla collaborazione con la libreria Gira & Volta, il pubblico potrà acquistare i volumi “IL FLUSSO GRAALICO” sulla drammaturgia musicale dell’opera cinematografica Parsifal di Marco Filiberti (Casa Editrice Zecchini) e “IL MIO PARSIFAL Inveramento di un Mito. Guida all’opera cinematografica di Marco Filiberti” (Casa Editrice Titivillus).

Parsifal (Italia, 2021) è il quarto lungometraggio di Marco Filiberti, prodotto da Dedalus con la partecipazione de Le Vie del Teatro in Terra di Siena. È interpreto da attori della Compagnia degli Eterni Stranieri: Matteo Munari (Parsifal), Diletta Masetti (Kundry), dallo stesso Filiberti (Amfortas – Felipe), e da Giovanni De Giorgi (Palamède), Luca Tanganelli (Cador), Elena Crucianelli (Senta) e Zoe Zolferino (Elsa). Il film è un importante e appassionato progetto di opera d’arte totale, un viaggio iniziatico che conduce dritto al centro del mistero delle nostre esistenze. Spiega Filiberti: “In un tempo oltre il tempo, nella terra desolata ha luogo il viaggio apocalittico del puro folle, l’uomo che, smarrita ogni certezza – perfino quella di una propria identità biografica o di una memoria storica –, può inconsapevolmente forgiare un nuovo modo di “essere nel mondo” nella fiduciosa rinuncia alla propria volontà, attraverso la compassione. Un’esperienza totale della pratica dell’essere, antagonista a quella del fare, dèmone dell’Occidente”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.