Il Caffè del Lunedì - Social network ed alcol: l'eroe 2.0 ha il gomito alto | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Caffè del Lunedì – Social network ed alcol: l'eroe 2.0 ha il gomito alto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Questo lunedì non parleremo di caffè ma di alcol.

Ne avevamo già parlato, qualche caffè fa, del sempre più diffuso fenomeno della neknomination, una tendenza che parla di sfida e di morte, un gioco pericoloso all’ultimo sorso, scandito a colpi di cin cin. Che sia birra, vodka o mix di sostanze, poco importa: l’importante è filmarsi mentre si ingurgita tutto d’un fiato una quantità spropositata di alcol, condividere il video su Facebook e Youtube e poi nominare altri tre e quattro amici, invitati a ripetere l’impresa entro 24 ore, pena la derisione sui social o pagare da bere.

Il gioco, ormai, lo si conosce benissimo, diffusosi dall’Australia in tutto il mondo, fino ad arrivare nei piccoli centri della Vallesina e, infine, sulle nostre stesse bacheche.

Che sia il figlio del vicino di casa, un cugino o l’amico di un amico, tutti hanno avuto modo, almeno una volta, l’occasione di vedere i protagonisti all’opera, intenti in questa irragionevole pratica, e di assistere al veloce contagio.

E dopo i primi morti – 5 tra l’Inghilterra e l’Irlanda – anche a Jesi arrivano le avvisaglie di un gioco che sta ormai uscendo fuori dal controllo.

Una ragazza di 16 anni, studentessa jesina, nella notte tra sabato e domenica è finita in coma etilico dopo aver accettato la sfida ed essersi scolata da sola una bottiglia e mezza di vodka mentre trascorreva una serata con gli amici in una discoteca di Monsano. Una serata di sballo in disco terminata con l’arrivo della ragazza in ospedale che, ricoverata in gravissime condizioni, sembra fortunatamente essere fuori pericolo.

Ma a bere, quella sera, non era l’unica. Altri ragazzi – sempre sedicenni – presenti in discoteca quella sera raccontano di aver visto molti loro coetanei ubriacarsi e dare di stomaco persino sulla pista.

Due giorni fa, sempre a Jesi, un ragazzino di tredici anni si è stordito di alcol finendo anche lui in coma etilico.

E i dati sono allarmanti: l’ Italia ha il primato del più precoce contatto con l’alcol, collocando il primo bicchiere tra gli 11 e i 12 anni, contro una media europea di 14 inoltrati.  

La domanda è sicuramente: perché?

Quale vuoto – pur in una società ricca e dedita al consumismo – si nasconde dietro questi ragazzi che ricorrono all’alcol per non sentirlo?

A sentire gli esperti, la neknomination non sarebbe un gioco che scatta per noia, come il bullismo, ma per un senso di sfida ed emulazione in grado di premiare il più forte, colui che è capace di oltrepassare i propri limiti fisici. Un fenomeno trasversale che tocca proprio tutti, lo sfigato e lo sportivo, il bravo ragazzo e il secchione.

L’eroe del XXI secolo, dunque, ha il collo di una bottiglia e lo stomaco forte?
Dove sono finiti i modelli dei classici Walt Disney, i sogni da raggiungere col sudore e le lacrime, i valori, lo spirito di avventura, la ricerca dell’innovazione e del progresso? Il desiderio di oltrepassare le “colonne di Ercole” – limiti e confini –  attraverso la sete non di alcol ma di conoscenza?

Eppure sono certa che i  giovani di oggi conoscano bene gli effetti nocivi dell’alcol.
Certo, le istituzioni e le famiglie possono e devono continuare a fare molto per contrastare il fenomeno attraverso la prevenzione.
Ma c’è una lezione ancora più importante che va insegnata a questi ragazzi e che è, secondo me, alla radice del problema.

Le sfide importanti della vita –  quelle in grado di forgiare l’identità di una persona – non sono e non saranno mai quelle davanti a una bottiglia di vodka.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.