Mascherine 'esauste' cambiano colore, un ex studente del Galilei all'EXPO di Dubai | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

Mascherine ‘esauste’ cambiano colore, un ex studente del Galilei all’EXPO di Dubai

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Dall’IIS Galilei di Jesi all’EXPO2022 di Dubai: questo è il viaggio che sta facendo Viorel Ionut Bohotici, 19 anni di Camerata Picena, ex studente dell’istituto di viale del Lavoro ed ora iscritto al primo anno di Ingegneria elettronica al Politecnico di Torino che con la sua start up sta proponendo soluzioni innovative da lui create e sviluppate.

L’ultima in ordine di tempo è un indicatore temporale per determinare la durata dei beni consumabili, che facendo cambiare colore ai beni stessi ne permette il corretto utilizzo senza sprechi e senza rischi per la salute. Grazie a particolare processi biochimici il bene cambierà colore, evidenziando quando si è ormai deteriorato o per scadenza o per eccessivo utilizzo. Questa invenzione è nata all’interno dell’istituto jesino e Viorel l’ha portato come elaborato per l’esame di maturità lo scorso anno, illustrandone in questa sede particolarmente il processo. Ora, il prossimo 18 febbraio verrà presentata all’EXPO di Dubai.

Svariati sono i campi di applicabilità di questo dispositivo: potrebbe essere utilizzato sulle mascherine (chiururgiche, FFP2, FFP3), garantendone in questo modo il corretto utilizzo fino all’esaurimento della proprietà filtrante, dopodiché la mascherina cambierebbe colore e sarebbe facile riconoscere quella mascherina come esausta e perciò non più efficace. Ma anche nel settore alimentare è possibile applicare questo dispositivo che permetterebbe agli alimenti di cambiare colore una volta scaduti e quindi evitare sprechi o intossicazioni.

«In questi giorni i media si stanno concentrando solo sulle mascherine perchè con la ripresa dei contagi è un argomento sicuramente di strettissima attualità, ma i campi di applicabilità e il principio di funzionamento di questo indicatore sono molteplici, tanto che la relazione realizzata per il brevetto in cui viene dettagliata l’invenzione è costituita da più di 90 pagine in cui si spiegano i vari modi di applicazione» spiega Viorel Bohotici a Password.

Secondo un indagine di mercato, operata da degli ingegneri gestionali di SitPolito, l’indicatore applicato alle mascherine costerebbe un centesimo a mascherina e perciò con un costo molto basso si eviterebbe ancora di più la possibilità di contagio, con conseguenti aspetti positivi.

E’ di Viorel anche un’altra invenzione brevettata e che risale a circa un anno fa, quando travolti dall’ondata di Covid, lo studente marchigiano ha deciso di realizzare una macchina in grado di sanificare denaro contante, sicuramente un rilevante veicolo di contagio. La macchina sanificatrice ora è in grado di sterilizzare non solo il denaro, ma qualunque cosa venga riposta al suo interno e ha la straordinaria capacità di sanificare anche l’ambiente circostante.

«Sanificando sia in via diretta che indiretta questo strumento permette di abbattere enormemente la possibilità di contagio, garantendo maggior sicurezza specialmente nei locali pubblici, ad esempio bar» ribadisce Bohotici che spiega come ora un passo importante e sicuramente non semplice sia la commercializzazione.

Queste invenzioni sono infatti già state brevettato da Viorel, che ora con dei compagni di università, sta realizzando una start up e cercando investitori che credano nel progetto per migliorare ancora di più l’invenzione anche in vista dell’appuntamento di Dubai. Già moltissimi investitori si sono fatti avanti, molti soprattutto della zona della provincia di Ancona, che grazie al genio di Viorel vedrà rappresentato nel mondo il proprio territorio.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.