Controlli dei carabinieri, chiesti venti fogli di via

JESI – Giorni di intenso lavoro per gli uomini delle stazioni di Jesi, Morro d’Alba, Montecarotto, Staffolo e del Nucleo Radiomobile che tra ieri e la nottata appena trascorsa hanno battuto a tappeto il territorio per contrastare il fenomeno dei reati contro il patrimonio. Chiuse le vie di accesso alla città, controllati vari luoghi di aggregazione e sottoposti a verifica alcuni soggetti accampati nella zona industriale di Monsano e Jesi. Complessivamente son state controllate circa 200 persone, 30 delle quali gravati di precedenti penali.  Per 20 di loro, poiché gravate di precedenti specifici per reati contro il patrimonio, in particolare furti in appartamenti e su autovetture, non avendo fornito una valida giustificazione circa la loro presenza nella zona, in quanto residenti in altre regioni, si profila l’emissione del provvedimento del foglio di via obbligatorio per i comuni di Jesi e Monsano con il divieto di non farvi ritorno per tre anni. I militari hanno anche effettuato alcune perquisizioni per la ricerca di armi e stupefacenti, le quali hanno dato esito negativo, e controllato detentori di comuni armi da sparo, risultate tutte essere custodite nel rispetto delle regole.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*