Moie, il ritratto di Mons. Nazzareno Novelli a 150 anni dalla nascita | | Password Magazine
Banner4Baffi

Moie, il ritratto di Mons. Nazzareno Novelli a 150 anni dalla nascita

Mons. Nazzareno Novelli

MOIE – Esistono personaggi del passato che con le loro opere hanno lasciato sul territorio tracce del loro vivere. Alle generazioni successive spetta il compito di riscoprire, di raccoglierle e fissarle per non perderle nell’incessante scorrere del tempo.

È il caso di monsignor Nazzareno Novelli, di cui domani ricorre i 150 anni dalla nascita. Nato il pomeriggio del 9 luglio, alle 19, nel rione casette di Moie, Novelli dal 1895 al 1922 ricoprì il ruolo di vicario curato alla parrocchia di Castelplanio per poi diventare canonico alla Basilica della Santa Casa di Loreto, con ruolo di confessore, fino all’avvento dei frati cappuccini. Tornò poi a Castelplanio, dove visse in solitudine all’abbadia di San Benedetto dei Frondigliosi. Morì nel 1964 all’ospedale di Montecarotto. Le ricerche storiche condotte dallo studioso Daniele Guerro, hanno permesso di riscoprire il profilo di un sacerdote originario di Moie molto attivo dal punto di vista pastorale e anche vivace poeta e scrittore di opere di carattere letterario, di natura apologetica e biografie. Guerro ha riscoperto numerosi suoi scritti, rintracciandoli in diverse parti d’Italia: nonostante fosse nato in un piccolo paese, i lavori di Novelli hanno raggiunto contesti culturali di rilevanza nazionale giungendo all’Accademia della Crusca, alla Biblioteca Jacobili di Foligno, a biblioteche di importanti università come Modena e Bologna. Gli studi condotti da Guerro presso il municipio di Castelplanio e il fondo parrocchiale di San Sebastiano Martire hanno permesso di rintracciare queste opere e di delineare il profilo di un personaggio che, nel secolo scorso, era stimato come sacerdote e come uomo di cultura. Lo rivelano anche le testimonianze che lo studioso è riuscito a raccogliere e che descrivono Novelli come una persona colta, sempre intenta nello scrivere e vicina alle persone e ai loro bisogni. Un uomo brillante e anche di spirito. Diceva sempre: «Io non ho paura di nessuno, solo del tribunale di Dio».

A cura di Chiara Cascio 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.