Museo Federico II, ecco la nuova gestione RnB4Culture | Password Magazine
Festival Pergolesi

Museo Federico II, ecco la nuova gestione RnB4Culture

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Una nuova prospettiva per il Museo Federico II Stupor Mundi: inaugurata oggi la nuova gestione per mano della start-up RnB4Culture, del gruppo RnBGate, che durerà almeno per 8 anni, fino al 2028.

Promosso da Fondazione Marche e Comune di Jesi, la nuova gestione è favorita da un’innovativa formula di finanziamento triennale comunale, con l’obiettivo primario di portare in pareggio la gestione museale.

Fabrizio Renzi, con un passato da gestore delle ricerche tecnologiche e creatore di business model per realtà internazionali, come per esempio IBM, dal 2019 ha deciso di fondere la sua propensione e l’interesse per la storia, la cultura e il territorio marchigiano, dando vita a RnB4culture, di cui è Direttore della Ricerca e dell’Innovazione, business angel, mentor e investor. Con molti progetti in corso, la gestione di un museo risulta una vera novità.

Dedita alla valorizzazione e alla promozione del patrimonio italiano, la start up si costituisce di un team di 7 giovani marchigiani, anche fuori sede, selezionati per merito, passione per la cultura e per le loro spiccate capacità imprenditoriali, con competenze sia nel settore umanistico che scientifico: Lucia Basili, Matteo Marinelli, Giulia Leonardi, Alessia Giuliani, Stefano Cavallazzi, Andrea Castellani e Giulia Franco.

foto 1

Un team destinato a crescere: la prima novità apportata dalla nuova gestione è infatti la volontà di dare nuovi posti di lavoro, per raggiungere nel tempo un totale di 20 assunzioni. Grazie alla multidisciplinarità del team, le più innovative tecnologie di ArtTech si combinano con le ricchezze storiche e culturali del territorio, per garantire ai visitatori del museo un’incredibile esperienza di visita.

Tra le tecnologie già introdotte, infatti, la creazione di un software gestionale, che verrà donato anche ad altre realtà museali: una soluzione nata durante l’emergenza covid, profilata ad hoc per i musei, da un museo.

Per rispondere alle esigenze di distanziamento sociale, inoltre, sono già stati acquistati dei dispositivi indossabili, e una telecamera termica, in grado di captare anche il livello emozionale, e anche il tipo di emozione, ad ogni ingresso e uscita dal museo.

Con una visione volta ad un’offerta sempre più ottimizzata per i visitatori, il Museo Federico II fornisce inoltre dei questionari, sia cartacei che digitali, per permettere la compilazione ad ogni fascia d’età, e per poter avere previsioni sul numero dei visitatori per il 2021, flusso geografico dei visitatori, tipologia di merci del book-shop predilette, tempo di visita di ogni stanza (per 16 stanze totali), e fasce d’età dei visitatori.

«Se il digitale è il futuro, la cultura non può prescindere dall’approfondimento storico» dice la dott.ssa  Franca Tacconi, Direttrice del Centro Studi della Fondazione Federico II Hohenstaufen Jesi.

«La chiave di successo di questo museo è l’assoluta apertura al territorio: questo è il suo disegno imprenditoriale, nasce e continuerà ad essere un luogo aperto alla cittadinanza» commenta Fabrizio Renzi.

Per il periodo estivo è stato inoltre attivato un manifesto di eventi ad hoc, per tutti i tipi di target: sotto il nome di “Stupor Noctis”, dal 18 Luglio al al 5 Settembre il museo sarà sede di eventi musicali, presentazione di libri, approfondimenti storici sul gioco degli scacchi, sul gioco della scherma, incontri e molto altro, per un numero contingentato di 45 ingressi a serata.

Per maggiori informazioni visitate il sito: www.federicosecondostupormundi.it

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.