Nuovo centro Caritas, l'apertura prevista ad Aprile | | Password Magazine
Lulù  

Nuovo centro Caritas, l'apertura prevista ad Aprile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – È prevista entro il mese di aprile l’apertura del nuovo centro Caritas di via papa Giovanni XXIII.

Conterà circa 15-18 posti letto e tre minilocali da destinare a famiglie sfrattate e senzatetto. Ieri, la struttura è stata aperta e mostrata in anteprima alla stampa, in occasione della ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti. A guidare la visita nel cantiere, il direttore Caritas Marco D’Aurizio, accompagnato dal Vescovo Don Gerardo Rocconi e con la partecipazione del giornalista di AvvenirePiero Chinellato.

La nuova sede Caritas – di dimensioni pari a 1300 mq –  si compone di due blocchi complessivi, uniti da un corridoio, ciascuno costituito da due livelli. “La struttura sarà già operativa con alcuni servizi a partire da aprile – ha spiegato D’Aurizio – Al momento, manca ancora parte dei mobili e degli arredi che arriveranno entro Pasqua. Poi saremo finalmente pronti”.

 

Il centro sarà utilizzato non solo come punto di accoglienza ma anche come sede dei servizi promossi dalla Caritas diocesana che, da via San Giuseppe, saranno qui trasferiti. In un blocco dell’edificio, dunque, confluiranno il centro di ascolto, il servizio mensa, la raccolta di alimenti e indumenti, le attività di sostegno e di formazione. L’altro sarà destinato all’accoglienza, mettendo a disposizione posti letto e circa tre monolocali con ingresso indipendente. Il servizio potrebbe essere destinato prevalentemente a donne in cerca di rifugio, a completamento così dei servizi già offerti dalla Casa delle Genti, più adatti invece per un’utenza maschile

All’ingresso, al piano terra, il front office, ufici e stanze di accoglienza: infine, la mensa con circa 40 posti a sedere e con una capacità di coprire fino a 200 pasti.

La nuova struttura sarà aperta 24 ore su 24 con la presenza di personale qualificato che si affianca ai volontari per l’accoglienza, per la gestione e per la sorveglianza. All’avanguardia dal punto di vista dell’impatto ambientale, il centro sarà a basso consumo energetico e dotato di impianto fotovoltaico per la produzione dell’energia.

 

A cura di Chiara Cascio/ chiaracascio@leggopassword

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.