"Comune di Jesi in debito?": L'interpellanza del Movimento 5 Stelle | | Password Magazine
Lulù  

"Comune di Jesi in debito?": L'interpellanza del Movimento 5 Stelle

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “A quanto ammonta il debito del Comune nei confronti dei propri dipendenti derivante dai c.d. incentivi di progettazione interna? Quanti e quali sono gli eventuali dipendenti/creditori? Sono stati erogati dei compensi spettanti a personale interno, pur in assenza di un Regolamento Comunale aggiornato conseguente all’entrata in vigore delle nuove norme del 2006 e 2016?”

Queste, in sintesi, le richieste che il MoV 5 Stelle Jesi ha presentato al Sindaco in un’interpellanza  che verrà discussa nella mattinata del 31 gennaio durante la seduta del prossimo Consiglio Comunale.

“La normativa quadro sui lavori pubblici degli ultimi 20 anni ha stabilito che il personale interno all’ente che svolge in ambito di realizzazione di investimenti pubblici delle prestazioni di pianificazione, progettazione, direzione dei lavori pubblici, sia retribuito con incentivi economici a valere sui quadri economici degli investimenti stessi, i cosidetti  “incentivi di progettazione interna” – si legge in una nota stampa –  La logica che sostiene queste norme è legata, in sostanza, al notevole risparmio che l’ente ottiene svolgendo onerose competenze tecniche con personalità interne e all’aggravio di responsabilità legata all’espletamento di dette competenze da parte del dipendente. L’erogazione dei suddetti fondi, che valgono fino al 2% del valore dell’appalto da accantonare in appositi capitoli di bilancio, è subordinata all’approvazione e vigenza di un Regolamento Comunale di ripartizione che definisce soggetti interessati e misura di spettanza”.

Secondo quanto riportato dal Movimento 5 Stelle di Jesi, il Comune di Jesi, nonostante l’entrata in vigore di nuove norme in materia di contrattualistica pubblica (D.Lgs. 163/2006 e D. Lgs. 50/2016 Codici Appalti e Contratti) non avrebbe mai provveduto ad aggiornare i regolamenti di ripartizione degli incentivi di progettazione, risalente al 2001.

“Vista la situazione – fanno sapere i grillini –  il M5S vuol fare chiarezza e, nello specifico, con l’interpellanza presentata, chiede al Sindaco Bacci:

– di conoscere il debito complessivo debitorio derivante i c.d. incentivi di progettazione interna che il Comune avrebbe nei confronti dei propri dipendenti, maturati con il vecchio e nuovo ordinamento (D. Lgs. 163/2006 e D. Lgs. 50/2016);

– di conoscere quanti e quali sono gli eventuali dipendenti creditori dell’Amministrazione e quali siano le somme spettanti a ciascuno;

– di conoscere se nel mandato dell’Amministrazione pro tempore siano stati erogati compensi derivanti i c.d. incentivi di progettazione interna, a quali dipendenti, in forza di quale Regolamento e sulla base di quali criteri;

– di conoscere quando i debiti del Comune di Jesi saranno pagati ai dipendenti eventualmente tuttora creditori al fine di non incorrere in richieste risarcitorie o per indebito arricchimento o in azioni legali di altro tipo;

– di conoscere quale soggetto avrebbe dovuto occuparsi della redazione del Regolamento di ripartizione e dell’aggiornamento conseguente i due nuovi Codici sui Contratti Pubblici (2006 e 2016) e che quindi sarebbe nel caso responsabile o corresponsabile dei tardati pagamenti e conseguenti richieste di interessi oltre che di possibile danno di immagine dell’Istituzione”.

Il MoVimento 5 Stelle di Jesi, inoltre, presenterà per il prossimo Consiglio Comunale anche un’interpellanza volta a conoscere lo stato delle scuole cittadine, con particolare riferimento alla presenza del certificato di agibilità e del certificato prevenzione incendi.

A seguito di regolare accesso agli atti, infatti, l’Area Servizi Tecnici del Comune, ha inviato un elenco degli edifici scolastici e delle relative certificazioni di agibilità. Nei dati forniti, risulta che su 40 istituti scolastici presenti, solamente per la metà viene indicata la sussistenza del certificato di agiilità. Tra i restanti, alcuni dei quali costruiti prima della data del 1 settembre 1967, spiccano situazioni dove addirittura il rilascio del certificato di agibilità risulterebbe “in corso” e altre per le quali non risulta indicata l’esistenza di un certificato di agibilità, o del certificato di collaudo o del Certificato Prevenzione Incendi-CPI[1] Per tale ragione, con l’interpellanza in questione il MoVimento jesino chiede in Aula chiarimenti al Sindaco ed all’Amministrazione per capire se negli edifici per i quali non è indicata la certificazione di agibilità e/o il certificato prevenzioni incendi e/o il certificato di collaudo, sono state comunque svolte le attività scolastiche ed in virtù di quali norme.

 



[1] Nello specifico, dalla comunicazione dell’Ufficio Tecnico risulta quanto segue:

I. sono elencati n.40 edifici scolastici;

II.  per 21 di essi è indicato il Certificato di Agibilità (numero protocollo e data di emissione); per uno di essi è riportato che la procedura per il rilascio del Certificato Prevenzione Incendi sarebbe “in corso”;

III. per i rimanenti 19 edifici scolatici privi di indicazione di sussistenzi del certyificato di Agibilità risulta:

.  per 7 è indicato che sono stati costruiti prima del 1 settembre 1967. Per 3 di questi viene indicato che sono stati sottoposti successivamente a interventi di miglioramento sismico e messa a norma (1)  oppure di ristrutturazione-ampliamento/risanamento (2). In tali 3 casi, è indicata la presenza del certificato di collaudo. In un caso è indicato che non è presente il Certificato Prevenzione Incendi

. per i rimanenti 12 edifici, in 3 casi viene indicato che l’iter per il rilascio dell’ Agibilità sarebbe ancora “in corso” e per  un solo caso sui tre viene indicata l’esistenza del certificato di collaudo. Per i rimanenti 9 edifici senza indicazione di presenza di agibilità, in 3 casi risulta emesso il certificato di collaudo mentro in 2 casi risulta eseguito il collaudo (ma non viene indicata la sussistenza di un certificato di collaudo). In 4 casi non viene indicato nulla (nessun certificato di agibilità, nessun certificato di collaudo, nessuno CPI).

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.