Omicidio Jesi, Bacci: «Una pagina che non avremmo mai voluto vivere» | Password Magazine
Banner4Baffi

Omicidio Jesi, Bacci: «Una pagina che non avremmo mai voluto vivere»

JESI – «Quanto accaduto questa mattina in via Saveri è sconcertante nella sua spaventosa tragicità». Così il sindaco Massimo Bacci sul dramma che si è consumato all’alba di oggi, sconvolgendo l’intera città: l’omicidio di Fiorella Scarponi, 69 anni, sgozzata con un fendente per mano di un 25enne che ha anche aggredito il marito, Italo Giuliani, presidente dell’associazione sportiva Libertas: «Mi stringo ad Italo Giuliani, persona sempre disponibile e impegnata nello sport, per la drammatica morte della moglie ed estendo alle figlie ed ai parenti tutti i sensi del mio profondo cordoglio. Gli auguro di riprendersi sia fisicamente che psicologicamente da questa assurdità in cui è rimasto coinvolto. Sono certo che le forze dell’ordine sapranno fare piena luce sulla vicenda, chiarendo ogni aspetto. Per Jesi è una pagina triste che non avremmo mai voluto vivere».
Sono ancora in corso i rilievi della scientifica sul luogo del delitto volti a ricostruire i fatti.

Copertina via Saveri 8

La dinamica dell’omicidio

I carabinieri sono intervenuti questa mattina, intorno alle 5.30, in via Saveri. A chiamarli alcuni residenti che avevano sentito urla e rumori provenire dall’appartamento al piano terra di un complesso residenziale dell‘ex Smia.
All’interno, i militari hanno trovato il corpo senza vita di Fiorella Scarponi, 69 anni, e accanto il marito Italo Giuliani, ferito ma ancora vivo. Sono stati subito allertati i soccorritori ma, purtroppo, per la donna non c’è stato nulla da fare. Secondo una prima ricostruzione, l’aggressore sarebbe entrato dalla porta finestra, sfondando il vetro: poi è entrato nell’appartamento, dove ha trovato la 69enne in piedi, spaventata dai rumori, e lui l’ha colpita a morte tagliandole la gola con un vetro rotto. Poi si è scagliato sul marito, Italo, 74 anni, ferendolo con la stessa arma. Ora è in ospedale, ricoverato a Torrette, in gravi condizioni. La prognosi è riservata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.