Impianto di spazzamento a Pianello, Giampaoletti e Ata fanno chiarezza sul progetto

Da sinistra, il direttore dell'Ata Cenerini, l'ingegner Stella, l'assessore Bini e il sindaco Giampaoletti

MONTE ROBERTO –  «Impianto di spazzamento, non prenderemo alcuna decisione senza aver prima consultato i cittadini». Così il sindaco uscente di Monte Roberto Gabriele Giampaoletti che, insieme all’assessore Marco Bini, ha convocato mercoledì pomeriggio una conferenza stampa in Comune invitando i tecnici dell’Ata ad illustrare il progetto.
«Come Amministrazione, siamo mossi dal maggior recupero possibile del rifiuto – ha detto Giampaoletti in corsa per un secondo mandato -. Abbiamo voluto questa conferenza per chiarire sulle voci che stanno circolando durante questa campagna elettorale, dando cattiva informazione di ciò di cui si parla». Presenti al tavolo con le loro relazioni anche il direttore Massimiliano Cenerini e l’ingegner Massimo Stella dell’Ata: «L’Assemblea Territoriale d’Ambito provinciale ha individuato sul nostro territorio e, più precisamente, nell’area dell’ex depuratore, un sito idoneo per la costruzione dell’impianto di spazzamento di rifiuti stradale – spiega Giampaoletti – Solo dopo aver concluso lo studio di fattibilità, saremo in grado di valutare e di stabilire se accoglierlo o meno: daremo alla popolazione tutte le info e sarà indetto un referendum consultivo che sarà tenuto in considerazione in fase decisionale. Infine, l’ultimo passaggio, avverrà all’interno dell’assemblea Ata».

Parole sull’impianto anche dall’assessore uscente Marco Bini, anche lui candidato con la lista Insieme per Monte Roberto a sostegno di Giampaoletti: «Noi non ci siamo impegnati su nulla, affronteremo il percorso democraticamente: c’è un’opportunità che si è creata, la valuteremo quando sarà il momento».

Il direttore dell’Ata Cenerini: «L’impianto di spazzamento rientra in un’ottica di raccolta differenziata e di recupero del rifiuto, secondo quella che viene definita economia circolare. Rispetto al biodigestore che è in progetto per Jesi, questo è un sistema più semplice che riguarda esclusivamente il trattamento del rifiuto stradale». Il funzionamento tecnico è stato illustrato dall’ingegner Stella: «Il materiale trattato non è pericoloso e non genera odori. Dal trattamento del rifiuto da spazzamento – sabbia e ghiaia contaminate dal traffico veicolare – viene ricavato inerti da impiegare poi nei cementi edili e stradali. Il ciclo di lavorazione è chiuso e l’acqua di lavaggio viene opportunamente trattata in depuratori prima di essere reimmessa. L’impianto, 900 metri quadrati, sarà destinato ad accogliere intorno alle 10-12 mila tonnellate di rifiuti stradali l’anno, provenienti dai comuni dell’ambito provinciale. Circa venticinque mezzi al giorno raggiungeranno Pianello passando dalla SS76 che sarà collegata all’impianto attraverso un’apposita via di collegamento».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*