Sanzioni autovelox sulla S16, il Comune vince metà dei primi ricorsi

FALCONARA MARITTIMA – Il Comune di Falconara ha vinto circa la metà delle prime cause davanti al giudice di pace per le sanzioni accertate dall’autovelox della Variante alla Statale 16. Il giudice Eliana Parlato ha riconosciuto le ragioni dell’ente rispetto ad alcuni ricorsi di automobilisti che sono stati multati per aver superato i limiti dei 70 chilometri orari, come accertato dal dispositivo ‘della Caffetteria’ (così denominato perché sorge in un tratto indicato come Caffetteria dall’Osservatorio provinciale sugli incidenti). Le decisioni prese dallo stesso giudice anconetano, che ha accolto alcuni ricorsi e ne ha rigettati altri, dimostrano come la materia sia controversa e che l’autovelox non è illegittimo, come sostenuto da alcuni. Si ricorda che gli automobilisti soccombenti, oltre a pagare la sanzione per intero (e non nella forma ridotta di cui può beneficiare chi paga entro cinque giorni), devono sostenere anche le spese legali. Il Comune di Falconara,
rappresentato dall’avvocato Fabio Piccioni, attende la pubblicazione delle motivazioni delle sentenze prima di decidere se impugnare quelle non favorevoli all’ente locale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.