Sul piccolo schermo, ecco Wilfred!

Ryan Newman è un ragazzo depresso e tendente al suicidio. La sua vita cambia improvvisamente quando Jenna, la sua vicina di casa, gli chiede di custodire per qualche tempo il suo cane Wilfred. Tutto normale fino a questo punto, se non fosse che Ryan, non si sa bene se nella sua pazzia o nel reale, vede Wilfred come un uomo vestito da cane, mentre tutti gli altri lo vedono semplicemente come animale a quattro zampe. Ryan Newman, interpretato da Elijah Wood (il Frodo del Signore degli Anelli, ndr) si ritrova catapultato dalla sua vita precedente, in cui è un avvocato fallito, nella sua nuova vita tutta colore che sembra espressione della sua mente. La serie, alla sua seconda stagione, è un remake della fortunata serie australiana omonima trasmessa tra il 2007 e il 2010.

L’idea alla base dello show è di impatto, dovuto anche alla rappresentazione ridicola del costume canino che ha un effetto comico immediato. Inoltre il comportamento dell’uomo-cane non è dei più educati: fa pipì in piedi, beve birra, fuma, corre dietro le donne. Ed è questa la stranezza di Wilfred, presentarci non un cane umanizzato, cioè un animale che prende le movenze umane, ma un uomo canizzato, un umano che diventa cane, un pò come Brian dei Griffin. Infatti il produttore, David Zuckerman è lo stesso dei Griffin, la fortunata serie di cartoni animati ideata da Seth MacFarlane.

L’accoglienza della critica è stata inizialmente tiepida, specie in Italia, dove la serie televisiva è stata trasmessa dalla Fox, ma nel giro di un anno gli ascolti sono aumentati, così come le critiche positive. Di certo è un’ottima commedia, a tratti esilarante, a volte ai limiti del demenziale, ma che non disattende gli spettatori in quanto a originalità.

Giuseppe De Lauri

 

 

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*