Giampaoletti: "L'ascolto di tutti è il mio programma per la città".

Nella foto, il candidato sindaco Marco Giampaoletti

Ultima carrellata di interviste, organizzate dalla redazione di Password ai candidati sindaci di Jesi, in vista delle elezioni amministrative 2012. È il turno di Marco Giampaoletti, sostenuto da “Insieme civico”, “Noi centro” e il “Partito Popolare Sicurezza e Difesa”.

Sig. Giampaoletti, come nasce questa coalizione?

Insieme civico nasce da un progetto partito nel maggio 2011 e appoggiato dai Comitati San Giuseppe, Asse sud e Viale della Vittoria. Il nome racchiude in sé il concetto di lista civica: ne fanno parte persone non tesserate a partiti e che non hanno mai ricoperto incarichi politici. La lista è confederata a Noi centro, movimento generale composto da 42 liste con referenti provinciali e regionali. L’appoggio è arrivato poi anche dal Partito Popolare Sicurezza e Difesa (PPSD), composto da persone “in divisa”. Ad accomunarci, il fatto di essere movimenti senza struttura piramidale ma nati “dal basso”, che fanno tutt’al più riferimento a capofila o portavoce”.

Cosa caratterizza il vostro programma?

“È molto semplice, proprio come una lista della spesa, con un elenco di voci da spuntare. Il fatto di nascere da Comitati ha fatto sì che la squadra – composta da 65 elementi – conosca bene quali siano i problemi della città. Nasciamo dal popolo e con lui ci confrontiamo: il nostro motto è “l’ascolto di tutti per decidere insieme” proprio perché vogliamo assicurare il dialogo con i cittadini, elemento indispensabile e democratico di cui l’Amministrazione uscente non ha tenuto conto. Per dimostrare quanto ci tengo al confronto diretto, sto facendo una campagna elettorale “porta a porta”, presentandomi personalmente senza formalità. Questo modo di fare sta suscitando impressioni positive nei miei confronti”.

Come affronterete la questione del bilancio?

“Premetto che la nostra sarà un’Amministrazione trasparente. Nel bilancio, c’è un buco abbastanza grande da colmare, pari a circa 30 milioni di euro di indebitamento globale. Vista la situazione, è molto difficile fare promesse. Sicuramente l’idea è quello di avvalerci anche di internet e di strumenti innovativi per rendere il bilancio trasparente e partecipativo, cosicché i cittadini conoscano come vengono spesi i loro soldi, quali sono le spese e i costi”.

Come “rimpinguerete” le casse del Comune?

“Per recuperare risorse elimineremo le consulenze esterne e sfrutteremo di più il personale interno, composto da gente anche qualificata e in gamba che va maggiormente formata e motivata. Altri tagli riguarderanno le società partecipate: da eliminare sicuramente STU (Società Trasformazione Urbana) che, da sola, ha richiesto 130 mila euro di gettone presenza, e  ProgettoJesi srl, le cui funzioni potrebbero essere assorbite dall’ufficio tecnico del Comune. Porteremo avanti, invece, il progetto Arcafelice, incrementandone prodotti e punti vendita, e la società JesiServizi, realizzando un’altra farmacia e riorganizzando la raccolta differenziata. Cercheremo anche di riportare all’interno del Comune servizi che sono stati affidati a uffici esterni, come le affissioni, l’organizzazione delle Fiere di San Settimio e il pagamento dei passi carrabili. Insomma, il personale c’è … impieghiamolo al meglio. Per questo motivo, un altro punto del programma sarà quello di cambiare l’orario degli uffici comunali, facendo sì che rimangano aperti anche il sabato mattina”.

Chi è Marco Giampaoletti?

“È innanzitutto una persona pratica che preferisce i fatti alle parole. Oggi sono un commerciante, gestore dell’edicola e centro servizi ISI CENTER in via Garibaldi, e un consulente finanziario ma nella vita ho accumulato molte e diverse esperienze: ho fatto l’operaio, l’impiegato, il dirigente. Sono stato ex presidente dell’ACLI, ho fatto parte del Comitato Mensa e del Consiglio di Istituto della scuola Federico II e presiedo attualmente quello del Cuppari. Da sindaco, continuerò lo stesso ad alzarmi presto per ritirare i giornali alle 5 del mattino. Lavorerò e starò a contatto con la gente”.

Chi sono le persone candidate con lei in lista?

“Nella mia squadra ci sono persone normali ma comunque in gamba. Non proporrò dei “tecnici”, come sta facendo il candidato Bacci … abbiamo già il governo Monti! Io credo che si impari molto sul campo, basta sapersi assumere le proprie responsabilità e puntare al risultato, avvalendosi anche del personale comunale che va motivato, riscoprendo la cura dei rapporti umani”.

Che cosa si auspica con queste elezioni?

“Essendo una realtà nuova, partita da zero, anche un solo voto sarebbe per noi una vittoria. Ci auspichiamo di andare al ballottaggio … dopotutto abbiamo raccolto più firme rispetto alle altre liste. Se vinceremo, sarò pronto a ricoprire l’incarico: mi sono presentato come candidato sindaco l’11.11.2011, con un programma già predisposto. Comunque andrà, si deciderà insieme il da farsi. Credo che tutti abbiano il diritto e dovere di dire la propria … sono fatto così”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione foto e testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*