Allestita la camera ardente, l'abbraccio di Filottrano a Michele Scarponi | Password Magazine

Allestita la camera ardente, l’abbraccio di Filottrano a Michele Scarponi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FILOTTRANO – Silenzio e composto dolore. Ma le lacrime, quelle, non si potevano fermare. Filottrano ha accolto alle 18.30 di oggi, 23 aprile, la salma del suo Michele Scarponi, proveniente da Torrette.
Il feretro, accompagnato dai familiari e scortato da un’auto della polizia, si è fermato al palazzetto dello sport “Giancarlo Galizia” dove già tanta gente era in attesa e dove era stata allestita la camera ardente.
Tutti in fila – servizio d’ordine dei volontari della Protezione Civile – e, poi, a piccoli gruppi, si è cominciato ad entrare per rendere omaggio al campione, composto con la maglia azzurra dell’Astana, tra mazzi di fiori, il gonfalone del Comune, le altre maglie sullo sfondo a ricordare i suoi successi, tra le quali spiccava quella rosa del Giro d’Italia.

Un domenica di sole, una domenica triste. Le bandiere del palazzo comunale listate a lutto, il manifesto funebre con Michele in sella alla sua bicicletta nello sforzo del pedale, e poi tutti gli altri che lo ricordano, da quelli del Sindaco e dell’Amministrazione comunale al Gs Avis Bike di Cingoli, l’Us Filottranese ginnastica artistica, l’Us Filottranese, la Federazione ciclistica italiana comitato Marche, il Gc Sette Colli con il suo “Ciao Campione ci mancherai”, quello dello Scarponi Fan Club, “Grazie caro Amico”, la Banca di Filottrano “Vola alto Aquila, vola alto Michele”.
Sul luogo dell’ultima pedalata, in via dell’Industria, un via vai di persone ancora incredule, tanti fiori, bigliettini, disegni. E una rosa legata al palo che sorregge il segnale dello stop. Quanto amore.
I funerali di Michele Scarponi saranno officiati martedì 25 aprile alle ore 15.30 al palasport.
L’Aquila percorre ora altri cieli e, con le parole di Mogol, “come un’aquila può diventare aquilone, che sia legata oppure no, non sarà mai di cartone…”.

A cura di Pino Nardella
(foto pienne)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.