Amministrative, Matteo Marasca (PD): "Non mi candiderò alle prossime elezioni"

JESI – “Non concorrerò alle prossime Amministrative, nè come candidato sindaco nè per un posto in Consiglio comunale. La mia esperienza istituzionale finisce qui”. Questo l’annuncio che il capo gruppo consiliare del Partito Democratico jesino Matteo Marasca ha rilasciato questa mattina alla stampa, presso il centro sociale “L’incontro” di via Tessitori, luogo dove il trentenne piddino ha mosso i suoi primi passi nella scena politica cittadina. “Tra queste pareti, in mezzo alla gente del quartiere, sono ancora vivi quei valori che mi spinsero ad intraprendere l’impegno politico – ricorda Marasca – Con i miei dieci anni di esperienza in Consiglio comunale, di cui gli ultimi cinque come Capogruppo, nonostante il successo elettorale del 2012 quando, a soli 27 anni, ottenni oltre 500 preferenze, credevo che una mia candidatura a sindaco della città, spontanea ed espressa in assoluta trasparenza, potesse essere utile al partito. Ma non è stata accettata”.

Il Capogruppo consiliare Matteo Marasca, negli ultimi mesi, aveva espresso l’esigenza di ricorrere alle primarie come strumento democratico e di partecipazione: “Un’occasione anche per tornare a dialogare con gli elettori, confrontarsi ed aprirsi alla gente, in città, per fare sintesi verso l’identificazione di un candidato sindaco che provenisse da un consenso più ampio – spiega Marasca –  A questa proposta, dopo continui rinvii, la risposta del PD è stato muovere un insieme di iniziative concentrate all’interno del partito, ricercando tra le fila di fantomatici saggi la figura del candidato ideale senza ancora essere giunti ad una decisione e  senza mai aprirsi alla città. Di chi affronterà la sfida alle Amministrative si parlerà nella prossima Unione Comunale, prevista per il 15 febbraio. Un risultato secondo me non soddisfacente ma che rispetto perché scelto dagli organi del PD: fino all’ultimo non ho rinunciato ad oppormi, con la convinzione che la vittoria alle Amministrative fosse più vicina se avessimo scelto la via delle primarie”.

Non è difficile pensare che, in caso di primarie, Marasca avrebbe avuto buone chance di vincere. “Forse a qualcuno questo non piaceva”, suppone il giovane, accusato anche per la sua spontaneità di mirare al ruolo di sindaco per pura ambizione personale.
Per il PD ricorrere alle urne non era la scelta giusta: “Avevo dato la mia disponibilità a candidarmi ma a determinate condizioni, tra cui lo svolgimento delle primarie, con possibilità di costruire per tempo un programma e una squadra. Purtroppo dal partito questa proposta non è stata accettata e nessuno ha raccolto la mia sfida. Qualora dopo il 15 febbraio, non si raggiungessero i 3/4 di maggioranza utili a favore di una candidato e si dovesse tornare a parlare di primarie, non tornerò sui miei passi: per me saremmo ormai fuori tempo massimo per mettere in piedi un programma concreto. In questa situazione imbarazzante, in cui non è ancora chiaro come si procederà…non mi sento in grado di affrontare una campagna così come l’avevo pensata”.

Da qui la scelta, indiscussa, di abbandonare la politica cittadina, di fare un passo indietro per permettere al PD di fare chiarezza sulla linea intrapresa: “E’ una questione di coerenza e di rispetto verso i miei elettori – ha detto Marasca – Tornerò a concentrarmi alla mia carriera da avvocato e al mio dottorato di ricerca presso la Facoltà di Economia, ad Ancona: continuerò a fare politica nel Partito democratico da semplice iscritto, come farebbe un giovane ragazzo di 30 anni che possa guardare alla prospettiva di un futuro. Le altre proposte politiche non hanno capacità di programmare su lungo periodo, raggiungendo la consapevolezza di poter raggiungere risultati importanti”.

Escluse anche possibili candidature future per il Parlamento o la Regione: “La realtà che vivo, per cui mi sento di lottare e di impegnarmi, è qui a Jesi”. Infine, conclude Marasca: “L’invito che faccio al partito è di trovare questa sintesi, di non rimandare più le decisioni. Mi auguro che il PD possa raggiungere un accordo su chi lo rappresenterà alle prossime Amministrative, che questa figura sia espressione di trasparenza, di cambiamento, in grado di canalizzare i voti anche di chi non vota il PD”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*