JesInsieme con Bacci: "Ci accomuna l'amore per la nostra città" | | Password Magazine

JesInsieme con Bacci: “Ci accomuna l’amore per la nostra città”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Andiamo alla consultazione elettorale da soli. Non ci apparenteremo, nel caso, con nessuno, forti di quello che abbiamo fatto e di quello in cui crediamo”.
“E se ci accusano di essere una città isolata basta guardarsi intorno, vedere quello che è stato fatto e che si farà, per capire che Jesi è ritornata ad essere centro della nostra regione”. Parole di Massimo Bacci.
Scende in campo anche la quarta lista civica, “JesInsieme”, a sostenerlo, lui Sindaco uscente che ripropone la sua candidatura, in questa competizione amministrativa.
Presentazione a Palazzo dei Convegni in un clima di partecipazione all’insegna del voler dare una continuità al primo quinquennio civico.
“I nostri principi, quelli che ci hanno sorretto sin qui – ha esordito Bacci – sono alla base della nostra azione politica e ringrazio gli uomini e le donne di “JesInsieme” che credono in questo percorso che vive in quanto scevro da ogni condizionamento”.
Non a caso Bacci ha messo subito sul tappeto quello che sta succedendo nella vicina Chiaravalle “dove il Sindaco si trova in grande difficoltà perché sta litigando con il partito di riferimento, il Pd”.
“La città viene prima di tutto, la nostra stella polare è il programma di mandato e se saremo riconfermati i nostri consiglieri comunali, come hanno già fatto, sono chiamati a vigilare perché la strada che abbiamo tracciato venga seguita, senza deroghe”.


Bacci ha anche voluto rimarcare come, all’insegna della trasparenza, “gli assessori, almeno una grande parte, vengano resi noti prima delle votazioni, cosa che faremo anche perché un Sindaco da solo non può fare niente”.
Qualsiasi risultato verrà fuori dalle urne, comunque, “la volontà di partecipare alla vita della città non dovrà venire meno. L’entusiasmo che vedo dovrà continuare in futuro perché è quello che ci caratterizza e che ci distingue in questo nostro essere esclusivamente al servizio dei nostri cittadini”.

Maria Chiara Garofali

La lista, eterogenea, comprende anche chi nelle precedenti amministrative si era schierato dall’altra parte, come i socialisti, o era in corsa per diventare primo cittadino, come Paolo Cesaretti (Udc).
“Un passo indietro – ha detto proprio Cesaretti che, alla fine, ha offerto meringhe di Bardi alla panna, una metà ora, l’altra arriverà dopo le elezioni – per il bene della città e per proseguire un impegno che ha dato i suoi frutti”.
“Bacci ha contribuito a dare una svolta – ha sottolineato il segretario cittadino socialista, Sandro Angeletti – e lo appoggiamo con tutto il nostro cuore. Ha fatto bene e gliene va dato atto”.
Degli uscenti ci sono l’assessore Cinzia Napolitano e i consiglieri Alfredo Punzo e Maria Chiara Garofoli che ha ribadito come “ci accomuna l’amore per Jesi, mettiamo insieme le nostre forze. Io rappresento la continuità, è vero, ma sono stati 5 anni di grande cambiamento e ce n’era bisogno. La nostra volontà è quella di andare avanti per migliorare”.

 

Paolo Cesaretti

La lista di “JesInsieme”:
Cinzia Napolitano (1968, dipendente Regione Marche); Maria Chiara Garofoli,(1959, consulente fiscale-tributario); Alfredo Punzo (1955, dirigente industriale); Sandro Angeletti (1952, pensionato); Maurizio Barchiesi (1967, lavoratore autonomo); Adelina Battistelli (1951, pensionata); Enrico Brazzini (1950, pensionato); Ilaria Burattini (1971, dirigente sportivo); Michele Caimmi (1976, macchinista Trenitalia); Paolo Cesaretti (1958, product manager Trevalli-Cooperlat); Maria Teresa Chechile (1971, infermiera professionale); Bruno Cimmino (1954, agente di commercio); Tommaso Cioncolini (1980, insegnante); Beatrice Clementi (1976, psicoterapeuta); Stefano Coppari (1983, musicista); Mara De Magistris (1972, impiegata); Francesco Fioretti (1989, dipendente); Andrea Gambadori (1966, artigiano); Giacomo Iaricci (1979, impiegato); Andrea Laudazi (1984, imprenditore agricolo); Francesco Pastore (1973, impiegato); Maria Rossi (1970, operatrice socio-sanitaria); Luca Tombari (1977, project manager Whirlpool); Mauro Urbani (1974, impiegato di banca).
Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.