Bacci, il meteorite sulla rossa Jesi. Intervista al Primo cittadino sulla ricandidatura | | Password Magazine
Lulù  

Bacci, il meteorite sulla rossa Jesi. Intervista al Primo cittadino sulla ricandidatura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

A cura di Marco Torcoletti

 

JESI – Quando, nel 2012, annunciò la candidatura alla poltrona di sindaco, Massimo Bacci era più che altro un figlio d’arte, uno stimato professionista ed un ex calciatore, con invidiabili trascorsi sportivi. Piombato come un meteorite sulla rossa Jesi, ne ha sconvolto gli equilibri politici inaugurando un’era nuova, all’insegna del cosiddetto civismo.

Dopo cinque anni, la decisione di ricandidarsi. Perché?

“Innanzi tutto per la percezione dell’apprezzamento di tanti, che hanno compreso l’impegno dedicato al lavoro svolto e la bontà dei traguardi raggiunti. Una sensazione che si accompagna all’entusiasmo, mai venuto meno, nei confronti di questa esperienza, che sentirei incompleta se non coronata da un secondo mandato”.

Cambiamento fu la parola d’ordine della sua campagna elettorale nel 2012. Ora?

“Parlerei di continuità del cambiamento, non solo rispetto alla prosecuzione di ciò che è stato fatto, ma anche nel modo di porsi nei confronti delle sfide che ci attendono, ossia con un approccio alla risoluzione dei problemi libero, senza vincoli o lacci e senza farsi influenzare da nessuno fuorché dal buonsenso”.

I suoi avversari le rimproverano una progettualità inadeguata o assente. Cosa risponde?

“Abbiamo ereditato una situazione molto difficile in un quadro, quello degli enti locali, caratterizzato dal costante e crescente venire meno di risorse. Eppure, abbiamo dimezzato il debito del Comune e ci siamo riusciti senza tagliare i servizi. Abbiamo centrato gli obiettivi fissati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per gli enti locali e presto ne daremo pubblicamente conto ai cittadini. Il tutto senza mai perdere di vista il confronto con la comunità”. 

In caso di vittoria, ci saranno cambiamenti in giunta?

 “Quello che è stato fatto di buono è frutto di un gioco di squadra, quindi credo vada garantita una certa continuità, sebbene sia inevitabile un minimo rinnovamento”.

Pacifico Carotti è stato, tra le altre cose, il sindaco della ricostruzione. Come vorrebbe che fosse ricordata la sua Amministrazione dagli jesini di domani?

“Mi basterebbe essere riuscito a trasmettere come anche la politica si possa fare con onestà, fuori da logiche assurde e con un impegno straordinario”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.