Climart, il Liceo Classico di Jesi al Parlamento europeo | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Climart, il Liceo Classico di Jesi al Parlamento europeo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono tornati da pochi giorni da Bruxelles i 25 studenti del Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” coinvolti in “ClimArt“, progetto Erasmus+ sui cambiamenti climatici spiegati attraverso l’arte, all’interno di un partenariato europeo che ha riunito molti studenti europei al Parlamento di Bruxelles.
Dal 14 al 18 maggio ha avuto luogo il loro spettacolo su migranti climatici e devastazioni naturali, nato dal laboratorio teatrale del Liceo Classico, delle Scienze umane e dell’Economico-sociale, con la regia di Gianfranco Frelli. La performance, dal titolo “Addio terra” è stata tradotta in inglese (“Fareweel earth”) per il debutto a Bruxelles presso le scuole partner europee.  «ClimArt è la sintesi di clima e arte –  spiega la professoressa Patrizia Taglianini, referente del laboratorio teatrale della scuola – cioè un nuovo modo di insegnare e divulgare argomenti complessi e tecnici in una forma che possa arrivare alla sensibilità dei giovani e coinvolgerli attivamente in un sistema di vita più rispettoso della natura e delle sue risorse».

Insieme a Patrizia Taglianini il team di docenti del liceo è composto da Roberta Mosca, insegnante di inglese, lingua veicolare dell’intero progetto e la professoressa Lauretana Rossetti di matematica e fisica, in collaborazione con il regista teatrale Gianfranco Frelli del Teatro Cocuje di Jesi.
Il progetto comprende anche una scuola superiore tedesca, una spagnola e una serba, oltre ad associazioni culturali come Eurocube, Cresol e Oskos che hanno contribuito alla creazione di un kit di attività creative da condividere con altre scuole e istituzioni formative.
Tutta l’attività ha dovuto fare i conti con l’emergenza sanitaria, ma non si è interrotta. Dopo mesi di meeting in modalità virtuale, gli studenti jesini hanno potuto vivere l’esperienza emozionante di arrivare fino a Bruxelles insieme ai coetanei europei. «Grandissima è l’emozione dei ragazzi, ma anche dei docenti – ha sottolineato la professoressa Taglianini -. I progetti Erasmus da anni formano i nostri giovani come cittadini europei, aperti al mondo, responsabili e consapevoli. Portare avanti un’attività così articolata tra scuole europee diverse, con una lingua non ben padroneggiata da tutti e in una situazione sanitaria  problematica è stata  una grande sfida per tutti, ma  anche una prova di quanto la cultura non trovi barriere che la possano imprigionare, anzi è sempre un ponte che unisce e fa crescere» .

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.