TecnicaMente, "Simple Mix" vince il primo contest per studenti ITIS Marconi | Password Magazine

TecnicaMente, “Simple Mix” vince il primo contest per studenti ITIS Marconi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Simple Mix vince il primo Contest TecnicaMente, che ITIS Marconi ha organizzato oggi insieme con Adecco Italia, nato dalla creatività di Michele Pasqualini, Enrico Perugini e Michele Ceccacci, i tre studenti che hanno progettato e realizzato questo prototipo. Simple Mix è un miscelatore automatico di bevande o altri liquidi, come ad esempio, le vernici che hanno bisogno di essere misurati con attenzione per comporre il drink o la vernice con la giusta dose dei colori preferiti per dipingere una stanza. La macchina si presenta come una botte su cui sono montati sei erogatori, su cui inserire altrettante bottiglie per contenere liquidi diversi. Dopo aver programmato sul PLC – Controllore Logico Programmabile, quali liquidi voglio miscelare e con quale dosaggio, la macchina automaticamente fa muovere il contenitore centrale in cui far confluire gli ingredienti, ruotando, spostandosi da una postazione all’altra, ricevendo la quantità necessaria di ognuno di essi e perfino shakerando il drink, se richiesto. La giuria, composta da otto aziende del territorio tra Jesi, Vallesina e Senigallia hanno scelto Simple Mix dopo lunga discussione, con le seguenti motivazioni: “è stato il progetto che ha presentato la maggiore complessità tecnica e maggiore chiarezza ed efficacia nella presentazione” tra i cinque progetti in gara. Questi i nomi delle prestigiose aziende del territorio che hanno composto la giuria: Eurodiesel Service; Lazzerini; Loccioni; Namirial; Paradisi; Pieralisi; Pierpaoli e Thermowatt, rappresentate alcuni dai Responsabili del Personale, altre da responsabili tecnici ed altre ancora proprio dagli imprenditori.“E’ proprio nella idea di scuola vicina al territorio e alle aziende che ne fanno parte – dice Corrado Marri, dirigente ITIS Marconi – che stiamo collaborando con Adecco e ci piacciono molto le occasioni come questa, dove possiamo spingere gli studenti a ideare e realizzare loro progetti imprenditoriali, che devono saper anche proporre alle aziende, come fossero veri e propri commerciali. Competenze queste – conclude Marri – che si aggiungono a quelle curriculari, che gli studenti acquisiscono nell’intero percorso di studi”. “Le aziende – aggiunge Tania Danti, responsabile della filiale Adecco di Jesi – ci chiedono proprio giovani a cui brillano gli occhi, che hanno voglia di mettersi alla prova anche in progetti sfidanti, capaci di mettersi in gioco, flessibili ed in grado di risolvere anche in modo creativo le difficoltà si incontrano. E situazioni come queste – aggiunge Danti – in cui acquisisci e metti in pratica le soft skills, tra cui la capacità di parlare in pubblico, di preparare una presentazione con le slide e perfino il video, sono quelle che i giovani useranno maggiormente nei contesti professionali. ITIS Marconi, unico istituto della provincia di Ancona ad aver partecipato a questa edizione, ha accolto subito la nostra proposta, seguendo con attenzione gli studenti in questo percorso.” I vincitori si sono aggiudicati, come premio, ben sei ore cadauno di formazione personalizzata Adecco sull’orientamento all’ingresso nel mondo del lavoro, attività su cui la multinazionale è impegnata fortemente in questi anni. “Abbiamo sviluppato il progetto Tecnicamente – dice Lorenzo Biffi, Adecco Talent Attraction Manager – nel 2014 e siamo giunti alla quinta edizione. Progetto costruito ad-hoc per e con le scuole per avvicinarle al mondo del lavoro. Da allora, partiti con sedici istituti siamo ad oltre mille e settecento studenti coinvolti in Italia, in circa cento scuole.”

  Cinque i progetti che hanno partecipato alla competizione e che sono stati valutati in base ai seguenti requisiti:

–       La complessità tecnica del progetto

–       L’efficacia e chiarezza nella presentazione del progetto

–       La fattibilità ed applicabilità al mondo industriale produttivo

–       I contenuti d’innovazione del progetto

 I progetti

I progetti che hanno partecipato sono cinque ed a seguire una breve descrizione degli altri quattro.

Pet Feeder, progetto nato da Enea Marcantoni e Lorenzo Boschetti, è una macchina distributrice di cibo per animali domestici, che eroga sia manualmente sia in modo automatico acqua e croccantini. Ci sono due diverse ciotole per erogare gli alimenti, e da un app su smartphone si può impostare la quantità dei croccantini da fornire in base al peso dell’animale, in modalità automatica con quattro timer al giorno. La stessa app permette anche di gestire tramite pulsanti il rifornimento automatico o manuale, con un tasto che più tieni premuto più riempie. Inoltre il sensore ad ultrasuoni, presente nei due serbatoi di stoccaggio di acqua e croccantini, segnala la percentuale di sostanza ancora disponibile con cui decidere quando effettuare il rifornimento.

 Weather Station, progetto di Simone Luconi e Riccardo Paolucci, è una stazione meteo che con diversi sensori rileva le seguenti caratteristiche: umidità, temperatura, pressione e qualità dell’aria, fornendo valori sull’inquinamento. I dati raccolti sono pubblicati sia su una app sia un personal computer in tempo reale per fini statistici. In sensore è fisico e si collega in modalità wi-fi con le periferiche, inoltre fornisce previsioni meteo grazie al collegamento con app già esistenti per questi fini.

 Tabellone segnapunti, realizzato da Riccardo Santinelli, Dennis Moscatelli e Michele Suris, è una app da cui gestire il punteggio di una competizione sportiva, mostrando il risultato su un display di dimensioni 30 x 20 cm circa collegato in bluetooth. E’ anche possibile collegare la app con il display di un impianto sportivo, gestendo l’aggiornamento della gara comodamente dal proprio telefonino, ma soprattutto è dedicato ai contesti non professionali. Infatti con questa soluzione, facilmente trasportabile ed economica, tutti coloro che amano giocare con gli amici, possono gestire facilmente il segnapunti elettronico, anche in situazioni come beach volley e calcetto.

Infine c’è il Parcheggio a due piani, realizzato da Xherri Serjani, Sante Manuel Sangermano, Philipp Ragni e Lorenzo Pollonara, è il modello di un parcheggio “intelligente” organizzato su più livelli, con un unico varco per l’ingresso e l’uscita delle auto, controllato mediante PLC – Controllore Logico Programmabile – e pannello utenti TOUCH HMI (Human Machine Interface). Il sistema si presenta all’accensione con una pianta dell’intero parcheggio, in cui i riquadri grafici rappresentano il piano superiore e quello inferiore. Ci sono inoltre le aree di parcheggio con i relativi numeri dei posti e su ognuno le spie luminose segnalano se i posti sono liberi o occupati. Se il parcheggio è al completo, è segnalato dalla chiusura della sbarra all’entrata.

 Didascalie foto:

1- “Team vincente con Simple Mix” – da sinistra Michele Pasqualini, Michele Ceccacci al centro ed Enrico Perugini a destra

2-  “Team vincente con Marri e Biffi” – da sinistra Lorenzo Biffi, Michele Ceccacci, Corrado Marri, Michele Pasqualini ed Enrico Perugini

3- “Simple Mix”

4-  “Team vincente con Marri e Adecco” – da sinistra Lorenzo Biffi, Michele Ceccacci, Corrado Marri, Michele Pasqualini, Enrico Perugini e Tania Danti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.