Villa Borgognoni da ottobre sede uffici ASP. Compromesse le attività di “Ostello delle Idee”

JESI –  Villa Borgognoni, immobile di proprietà comunale, dal 1° ottobre sarà temporaneamente destinata all’ASP Ambito IX come sede degli uffici attualmente collocati presso la Casa di Riposo.

Ostello delle idee, associazione che da oltre dieci anni gestiva la Villa come “Bene comune” della città, con doppia funzione di “Ostello della Gioventù” e “sede di attività sociali e culturali per associazioni di Jesi e della Vallesina”, unitamente ad altre 17 associazioni e singoli cittadini ha presentato all’Amministrazione ed al Consiglio Comunale una “Proposta di Atto” per chiedere con determinazione che sia confermata la destinazione di Villa Borgognoni ad Ostello e perché avvii un percorso per la sua riapertura completa in tempi brevi, convinti che possa diventare il fulcro di un progetto di promozione di un turismo ecosostenibile per Jesi e per la Vallesina, anche con una rilevante ricaduta economica.

“Tenuto conto che l’ospitalità è sospesa da quattro anni e che da ottobre dovranno cessare anche le attività sociali che in questi anni abbiamo pur faticosamente garantito, permettendo a migliaia di cittadini la fruizione della struttura – si legge in una nota stampa di Ostello per le Idee –  riteniamo che il futuro di Villa Borgognoni come Bene comune, come Ostello e come sede di attività sociali e culturali venga sostanzialmente compromesso”

Per tenere alta l’attenzione su questo bene cittadino, Ostello per le Idee si era impegnata nell’organizzazione di  “Equalafesta” per circa un decennio:  «Quest’anno essa si trasformerà nel progetto “Un ostello per la città”, con l’adesione entusiasta di artisti e scrittori, per cui da maggio a settembre a Villa Borgognoni si susseguiranno mostre, concerti, performance ed eventi sul tema del turismo sostenibile. Cominceremo il 16 maggio col primo di quattro appuntamenti della rassegna “Montagna da leggere-Percorsi e pensieri della nostra terra”, per raccontare le bellezze del nostro territorio, con Paolo Piacentini ed il suo “Appennino atto d’amore”, cui seguiranno Francesco Burattini con “Conero, i sentieri del lavoro”, Giovanni Santoni con “Flora delle forre marchigiane” e infine Mauro e Maurizio Bolognini con “La scoperta della Grotta Grande del Vento” ».

Il logo di un “Ostello per la città”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.