Inseguimento da Far-West, carabinieri braccano e arrestano spacciatore - Password Magazine

Festival Pergolesi

Inseguimento da Far-West, carabinieri braccano e arrestano spacciatore

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Era un normale e tranquillo pomeriggio di metà estate al “Piano”, era stato allestito il banchetto antidegrado in Corso Carlo Alberto, davanti la Chiesa dei Salesiani e una pattuglia dei Carabinieri del radiomobile transitava in quella zona per un normalissimo controllo del territorio.

Improvvisamente i militari notavano una panda bianca molto sospetta il cui guidatore, appena accortosi della presenza della gazzella a qualche metro di distanza, accelerava la marcia. I Carabinieri, fortemente incuriositi e decisi a fermare il veicolo, iniziavano il pedinamento che, dopo pochissimi secondi, si trasformava in un inseguimento da far-west: la panda azzardava due sorpassi contromano in Via Marconi e in Via De Gasperi, fino a giungere in Via Baratta e per poi percorrere un paio di vie adiacenti a Corso Carlo Alberto totalmente contro mano. Nel frattempo i Carabinieri – con le sirene spiegate e pronti all’azione – non demordevano, rimanendo sempre sulle tracce del fuggitivo. Arrivato nella zona di Via Vinicio Rossi, il tunisino, trovatosi bloccato perché una macchina stava facendo manovra in retromarcia, arrestava immediatamente la corsa e scappava a piedi. Dalla macchina spuntava fuori anche un secondo tunisino – lato passeggero – che, però, non opponeva resistenza e risultava sin da subito collaborativo. La fuga a piedi del guidatore, seguito dal Brigadiere del radiomobile che non lo perdeva mai di vista, terminava dopo lunghi 600 metri, allorquando veniva braccato in sicurezza dal militare, nonostante il malvivente cercasse in tutti i modi di vincolarsi con spintoni e quant’altro. Durante la fuga a piedi, nel momento in cui il tunisino si vedeva braccato e capiva che non c’era più nulla da fare, cercava di spossessarsi di un sacchetto bianco che occultava nei propri vestiti ed immediatamente recuperato dai carabinieri. Rientrati in caserma al termine dell’inseguimento, venivano espletate tutte le formalità di rito: in particolare si appurava che nel sacchetto c’erano 41 grammi di cocaina, probabilmente destinata a rifornire la piazza del capoluogo dorico. D’intesa con il magistrato il tunisino 31enne è stato arrestato e collocato presso il carcere di montacuto in attesa della convalida e dell’udienza direttissima.
Il passeggero invece, appurato che fosse un prossimo acquirente, liberato dopo esser stato identificato in caserma. Quest’ultimo episodio conferma l’attenzione dei Carabinieri nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti ed, in particolare, al monitoraggio della zona del Piano e di Piazza d’armi.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.