L'Asp approva il bilancio: più risorse per disabili, poveri e famiglie | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

L’Asp approva il bilancio: più risorse per disabili, poveri e famiglie

JESI – Saranno 14.5 i milioni spesi dall’Asp ambito 9 per i suoi servizi nel 2017. Questa la cifra cui ammonta il bilancio previsionale, che lo scorso anno era pari a 12 milioni. Gli scostamenti principali derivano da fondi nazionali ed europei grazie ai quali sono stati avviati progetti e interventi relativi a diverse unità operative come anziani, minori e famiglie, disagio e povertà, e il progetto Sprar per i richiedenti asilo. In aumento le risorse destinate a minori e famiglia (erano 782 mila euro nel 2016, sono 987 mila euro circa nel 2017) e al settore disagio e povertà  dove si è passati da 525 mila euro a 963 mila euro per quest’anno. La parte più consistente della spesa è relativa alla disabilità, il 27% della spesa per il 2017 è destinata a questo settore, con l’Asp che gestisce sei servizi tra Jesi e Vallesina e numerosi progetti di assistenza a fronte di 565 destinatari nel 2016, erano 524 nel 2015. In sofferenza invece, i servizi relativi all’assistenza domiciliare per anziani, sono passati da 117 destinatari nel 2015 a 92 nel 2016, e quello per la consegna dei pasti a domicilio che contava 29 utenti nel 2015 e 20 nel 2016. “Il motivo – ha spiegato il presidente dell’Asp Sergio Mosconi – è che la società è cambiata. Le badanti coprono più ore del nostro servizio, per questo registriamo un calo”. I beneficiari complessivi delle prestazioni Asp nel 2016 sono 4575, erano 3834 nel 2015. Sarà gestito dall’Asp il centro Diurno Alzheimer che sarà inaugurato sabato 22 aprile in via San Giuseppe, mentre è il Centro Azzaruolo per l’autismo attende rallentamenti burocratici. Progetti nuovi e bandi vinti ma non mancano le criticità: “Quello che manca nei servizi è la programmazione – ha detto il direttore dell’Asp Franco Pesaresi – Se arrivano i fondi solo per finanziare i progetti mancano per mandare avanti la baracca, cioè per pagare il personale che organizza il servizio. Chi gestisce il sociale deve poter guardare a lungo raggio”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.