"Libràrsi", il secondo volume fotografico di Adriana Argalia | | Password Magazine
Festival Pergolesi

"Libràrsi", il secondo volume fotografico di Adriana Argalia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un emozionante racconto per immagini della magia del palcoscenico nel secondo volume fotografico dell’artista jesina Adriana Argalìa dal titolo “Libràrsi”, in collaborazione con Fondazione Pergolesi Spontini, Comune di Jesi/Jesi Cultura-Assessorato alla Cultura, main sponsor UBI><Banca Popolare di Ancona.

Il volume verrà presentato, con proiezione delle immagini, venerdì 12 dicembre alle ore 18, nel corso di un incontro pubblico ad ingresso libero presso le Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi di Jesi.

A due anni di distanza dall’uscita e dal grande successo del volume fotografico “TRAC!”, l’artista jesina Adriana Argalia torna ad evocare la magia del palcoscenico e dei suoi protagonisti in un nuovo e poetico racconto per immagini. “Libràrsi” è il titolo del libro realizzato con il contributo di UBI >< Banca Popolare di Ancona, in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini e il Comune di Jesi/Jesi Cultura-Assessorato alla Cultura; la stampa è a cura di Errebi Grafiche Ripesi di Falconara.

Il volume verrà presentato venerdì 12 dicembre alle ore 18, nel corso di un incontro pubblico ad ingresso gratuito presso le Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi di Jesi, con proiezioni della raccolta di immagini alla presenza della stessa Adriana Argalia, autrice di numerose pubblicazioni fotografiche ed artista apprezzata da grandi maestri come Mario Giacomelli e da importanti critici e direttori di musei internazionali. Saranno presenti rappresentanti della Fondazione Pergolesi Spontini e del Comune di Jesi, accanto al Presidente della Banca Popolare di Ancona Corrado Mariotti, e la Prof.ssa Ada Donati, poetessa autrice della prefazione del libro.

Il volume raccoglie in 156 pagine una selezione in bianco e nero di immagini di spettacoli scattate dal 2005 ad oggi al Teatro Pergolesi di Jesi, negli spazi teatrali della Vallesina e in altre suggestive cornici che hanno ospitato gli spettacoli programmati nelle stagioni artistiche della Fondazione Pergolesi Spontini, le Grotte di Frasassi fra esse. Una documentazione impareggiabile di quanto accaduto in palcoscenico che Adriana Argalia ha saputo catturare attraverso il filtro di una straordinaria sensibilità artistica e dalla prospettiva sghemba di una barcaccia. Grazie al sodalizio artistico instaurato con la Fondazione Pergolesi Spontini, l’artista ha fotografato in questi anni ogni genere di spettacolo, di danza, prosa, lirica, musica leggera, cabaret; oggi, l’iniziativa della Banca Popolare di Ancona consente di continuare a dare veste organica ad un progetto artistico nato dall’amore dell’autrice per il Teatro. Tanti gli artisti che Adriana Argalìa ha immortalato sul palcoscenico – alcuni dei quali sarà facile riconoscere – fissandoli però in quell’attimo che solo il suo “terzo occhio” è riuscito a cogliere e a renderli sorprendenti protagonisti di raffinata “arte nell’arte”.

“Ho scelto come titolo la parola Libràrsi perché prima di tutto è un Suono, un bel suono – svela Adriana Argalia – poi perché si estende gradualmente e poi si eleva. Un suono musicale lento graduale in ascesa. E poi, dentro, Libro, Arsi, Arte, Liebe , anche Libbra, perché la leggerezza si distilla dalla pesantezza. Una folla di parole e di significati tutti insieme. Una folla pesante dentro un suono leggero”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.