Medici obiettori, aborto negato a Jesi. Commissione regionale sanità: "Un diritto da garantire" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Medici obiettori, aborto negato a Jesi. Commissione regionale sanità: "Un diritto da garantire"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Sarà temporaneamente sospeso il servizio di interruzione volontaria di gravidanza al Carlo Urbani di Jesi. Il motivo: i ginecologi dell’ospedale sono tutti obiettori di coscienza. Ad oggi, l’Asur Marche aveva cercato di garantire il servizio, seppur riducendo le sedute mensili da 4 a 2, disponendo due medici non obiettori provenienti dal Profili di Fabriano i quali, però, dallo scorso settembre, non possono più raggiungere la struttura jesina.

E il rischio è che le donne tornino a ricercare aiuto nell’illegalità: l’allarme arriva dal Coordinamento per la Legge 194/78, composto dalle associazioni locali Udi, Casa delle donne, Casa delle culture, ARCI, ANPI, CGIL, Ambasciata dei diritti, Emergency, Libera,  Sca – Tnt,  Ya Basta, Centro Studi Libertari “L. Fabbri”, SpaziOstello, Radio senza muri e La strada di Sergio. “Aumentano gli aborti clandestini e le donne che si rivolgono al fai da te  per poi arrivare al pronto soccorso con lacerazioni gravi – tuonano dal Coordinamento – Eppure, di fronte a tutto ciò, le istituzioni locali e regionali sembrano restare nell’indifferenza, nonostante l’art. 9, comma 4 della legge 194/78 vieti l’obiezione di struttura e imponga agli enti ospedalieri e alle case di cura autorizzate l’espletamento delle procedure previste e l’effettuazione degli interventi di interruzione della gravidanza richiesti, anche attraverso la mobilità del personale”.

Una situazione non nuova per la città: il servizio era già stato sospeso da luglio 2012 a marzo 2013 e ancora, da gennaio a marzo 2014.

Il Coordinamento per la piena e corretta applicazione della L.194/78 si era rivolta con una petizione alla Regione Marche, all’Asur Marche, all’Area Vasta 2, al fine di chiarire come si intendesse procedere per risolvere una volta per tutte tale disservizio che ” impedisce alle donne di vedere garantito un diritto importante, come il diritto alla salute”.


Fabrizio Volpini

VOLPINI: “CONSULTORI FAMILIARI E RU86 ENTRINO NELLA PRASSI”

Ad intervenire nel dibattito è il Presidente della Commissione regionale Sanità, Fabrizio Volpini (PD) che, tramite una nota stampa, riconosce che “L’interruzione volontaria della gravidanza è un preciso diritto riconosciuto dalla legge e come tale va garantito e tutelato. Anche nell’ospedale di Jesi, dove, invece, si riscontrano oggettive difficoltà a praticare l’aborto, dato che la totalità dei medici è obiettore di coscienza e che la soluzione della mobilità del personale da un altro ospedale non garantisce più tale servizio”.

“La legge 194/78 – aggiunge Volpini deve trovare piena attuazione nelle strutture sanitarie pubbliche e in quelle autorizzate della nostra regione e mi impegnerò in prima persona perché questo avvenga, senza eccezioni”.

“E se di applicazione della legge 194/78 si parla – aggiunge ancora Volpini – voglio anche sottolineare l’importanza di valorizzare i consultori familiari, nella loro funzione di informazione e prevenzione, in linea con quel diritto alla procreazione cosciente e responsabile garantito dalla stessa legge. Infine, una riflessione sulla RU486, cioè sull’aborto farmacologico: dopo che le Marche sono state l’ultima regione, nel giugno 2014, ad adottarla, sarebbe bene che il ricorso a tale strumento di interruzione di gravidanza entrasse nella prassi, con percorsi attuativi che non necessitino dei tre giorni di ospedalizzazione previsti dalla legge, ma che prevedano, come in altre regioni italiane, modalità di somministrazione dentro percorsi virtuosi di integrazione ospedale-consultorio-territorio, in grado di garantirne la sicurezza di utilizzo”.

a cura di Chiara Cascio | chiaracascio@leggopassword.it

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.