Museo Archeologico, a dicembre l’inaugurazione

JESI – “Comprendiamo la preoccupazione di Andrea Binci. Essendo stato consigliere comunale in una stagione dove le incompiute erano all’ordine del giorno, è naturale per lui preoccuparsi sui tempi di realizzazione di qualsiasi opera pubblica. Lo vogliamo comunque rassicurare”: così risponde l’Amministrazione comunale in merito all‘interpellanza depositata in data odierna dal Consigliere comunale Andrea Binci (PD) avente come oggetto la Realizzazione del nuovo museo archeologico di Jesi. 

“Quella stagione è finita nel 2012 e da allora, al Comune di Jesi, si programma, si progetta e si realizza in tempi certi. Se ritardi tecnici vi sono, perché possono pur esserci, sono comunque sempre monitorati affinché ogni intervento sia regolarmente compiuto e terminato – si legge in una nota stampa – Cosa che accade puntualmente per il Museo Archeologico, la cui inaugurazione si terrà entro metà dicembre. I lavori murari al piano terra di Palazzo Pianetti sono infatti terminati da tempo, si sta completando l’allestimento delle teche e del conseguente impianto illumino-tecnico, oltre che degli altri impianti di allarme e di sicurezza”.

Secondo quanto riportato dal Comune, è dei giorni scorsi l’autorizzazione della Soprintendenza delle Marche allo spostamento dei reperti di proprietà comunale, oggi ospitati al complesso San Floriano. Si è invece in attesa dell’autorizzazione dal Ministero per i Beni Culturali per avere in deposito temporaneo i beni archeologici di proprietà statale, relativi a Jesi e alla Vallesina, che sono oggi allocati presso il deposito ministeriale di Ancona.

“Quanto ai 100 mila euro in più previsti nell’assestamento di bilancio – continua la nota – Essi non sono per le opere murarie o l’acquisto di teche ed impianti, che sono già stati finanziati e le cui risorse sono tutte impegnate, ma per l’allestimento. In particolare per lo spostamento dei beni, a partire dal ciclo di statue di età giulio-claudia il cui imballaggio e trasporto saranno particolarmente complessi. Ma anche per piccoli interventi di restauro o per l’acquisto di supporti particolari, oltre  alla realizzazione di pannelli e cartellonistica che accompagnerà il visitatore alla conoscenza del museo e a depliants e cataloghi per la promozione e divulgazione, e così via”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*