Nuova invasione di api in centro, intervengono i vigili del fuoco | Password Magazine

Nuova invasione di api in centro, intervengono i vigili del fuoco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Continua a preoccupare l’invasione delle api che sciamano in questi giorni per la città.  Settimana scorsa erano state avvistate a migliaia in via Gallodoro poi in centro storico, dove avevano formato un nugolo in un’angolo di Palazzo Colocci. Segnalazioni arrivate anche da chi vive nei pressi dei giardini e anche zona cimitero. Numerose oggi le richieste di intervento ai vigili del fuoco: intorno alle 13.30, i pompieri sono intervenuti con un apicoltore in piazza Colocci alla ricerca della regina. Come dicevamo, da tempo le api stazionavano intorno il negozio “Casa della Lana”, destando preoccupazione dei residenti. Fortunatamente, l’apicoltore è riuscito a scovare la regina, il che ha permesso l’allontanamento dello sciame dal centro.

“Le api cercano un punto in cui formare l’alveare, se non vengono infastidite non attaccano – dicono i vigili del fuoco – Lo sciame, dopo due o tre ore di “sosta” in un posto, continuerà a spostarsi fino a che non troverà un luogo adatto per il nido, seguendo la regina”.

Di fronte a uno sciame in luogo pubblico, occorre evitare di compiere gesti inconsulti e allertare un apicoltore esperto per il recupero. Nei casi in cui le api si annidano nei cassettoni o nei pressi delle abitazioni, è bene chiamare i vigili del fuoco: così come è venuto in via Mura Occidentali dove un residente ha segnalato la pericolosità di un nido di api all’interno di un muro, vicino la finestra. Qui si è dovuti ricorrere alla disinfestaziome.

Come prevenire che si formi un nido di api nei pressi della propria abitazione? “Utilizzare prodotti tipo naftalina sui cassettoni delle finestre terrà lonane le api perché infastidite dall’odore”, è un piccolo e valido suggerimento dei pompieri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.