Pelle d'Asino, laboratorio di arti sceniche | Password Magazine
Lulù  

Pelle d’Asino, laboratorio di arti sceniche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
foto Futura Tittaferrante / Courtesy Fortebraccio Teatro

JESI – Pelle d’Asino – laboratorio di arti sceniche, il progetto dell’attore e autore Pietro Piva avrà inizio a novembre con gli open days di mercoledì 3 novembre e giovedì 4 novembre, presso Young Talent e Motus Danza.

«L’idea di partire con questo laboratorio nasce dal periodo che abbiamo vissuto – spiega Pietro Piva – mi sono voluto mettere in gioco con questa cosa anche per capire se Jesi potesse essere una scoperta e ho immaginato questi laboratori che sono un po’ un distillato di ciò che mi è capitato di fare fino ad adesso. L’ho chiamato arti sceniche un po’ per uscire dalla logica del classico laboratorio di teatro, per dare l’idea che possano entrarvi tante cose dentro, quindi è ovvio che mi rivolgo anche ai non professionisti, anzi la chiamata è a tutti i cittadini».

Pelle d’Asino prende il nome da una favola di Perrault, dove una ragazza si salva dal cattivo indossando la pelle di un asino magico, travestimento che le permette di superare le avversità e farsi riconoscere dalla propria vita e da ciò che l’aspetta. «È tutto qui – afferma – C’è la preda che si traveste per non essere mangiata ma come ogni preda è anche cacciatrice di migliore sorte. C’è l’indossare i panni di qualcun altro, per nascondersi ai nemici, per fare un viaggio e conoscere se stessi».

AF316BB9-C930-4876-8EBB-C36CEB9F49A7

I laboratori sono quattro, ognuno dedicato ad una fascia d’età: Vita da Favola per bambini e ragazzini dai 6 agli 11 anni, Fieri Mostri per ragazzi dai 12 ai 17 anni, Narratori di Lungo Corso dedicato agli over 65 anni, Fisica dell’Immaginazione per gli adulti. Vita da Favola  vuole partire dalle favole tradizionali per costruirne e inventarne altre, e mettere in scena sia le une che le altre.

«La matrice del laboratorio è ludica ma verte sulla favola – spiega l’autore – nasce da un lavoro che mi era capitato di fare a scuola, partendo dalle funzioni classiche della fiaba, l’eroe, l’allontanamento, il mentore, il mutaforma, per poi strutturare un corso. È un laboratorio di teatro ma anche di drammaturgia, è una parola che dobbiamo imparare ad usare e che riguarda la scrittura per lo spettacolo dal vivo; l’idea è quella di non aver paura di usare questa parola con i bambini, perché inventare delle favole da mettere in scena è drammaturgia. L’idea è anche quella che i bambini a cui è rivolto il corso possano non solo giocare ma anche fare un tipo di lavoro anche inconscio sulla propria produzione orale e scritta».

Fieri Mostri è il laboratorio dedicato agli adolescenti e prende lo stesso nome del laboratorio sui mostri danteschi della scorsa primavera al Campo Boario di Jesi. «Mi piaceva tenere questa matrice di metamorfosi sul mostruoso e metamorfosi in generale che riguarda l’adolescenza. È un tipo di laboratorio abbastanza classico, rivolto agli adolescenti: molta attenzione, anche in questo caso, è rivolta alle loro istanze autoriali. Loro cominciano a scrivere, ad appassionarsi alla forma poetica e lavorare molto con la musica e sulla comicità».

Narratori di Lungo Corso è invece un progetto che riguarda gli over 65, «categoria molto particolare con la quale non ho mai lavorato direttamente con un corso dedicato – afferma Pietro Piva – ho notato in loro la propensione al racconto, ma sembra che ci sia quasi un pudore a fare o non in diritto a fare. Ho pensato a quanto quest’età potrebbe dare e non dà perché non sa che c’è questa possibilità; sono dei narratori naturali nel senso che sono abituati a raccontare, ma a volte a loro manca una cosa che un attore deve imparare, la sottrazione, togliere quel rumore che c’è intorno alla storia, al fatto. Lavorare con loro su elementi di tecnica, ricordarsi che c’è un corpo che anche se non è performante, ha una portata e una pienezza che i più giovani non hanno, ricordarsi del corpo e farsi autori delle proprie istanze, provare a vedere se nella nostra giornata ci sono piccoli fatti che possono diventare soliloqui, monologhi o scene  con altre persone».

Continua l’autore: «Fisica dell’Immaginazione è il laboratorio per adulti che permette a seconda del gruppo che c’è di fare un percorso che rimane dentro lo svago, la piccola fuga dalle incombenze, però anche tentativi di produrre qualcosa di poetico o che ci provi, ognuno con le sue qualità. Nei laboratori è  importante che questi si modellino sul partecipante, ognuno ha un suo modo di stare in scena e un proprio linguaggio. Il nome è legato al fatto che abbiamo un’immaginazione da liberare, consci del fatto che poi dobbiamo metterla in scena; la fisica è una disciplina che analizza la realtà e il teatro è la dicotomia tra quello che riusciamo ad immaginare e quello che dobbiamo rispettare. Il combattimento tra il pensiero e il corpo diventa il teatro. Come negli altri corsi, mi piacerebbe che per chi viene fosse svago ma anche un sassolino di studio personale, che fosse un momento di ascolto e conversazione. Si tratta di svago non convenzionale, ci allontana per un paio d’ore alla settimana da telefoni e televisori; è una cosa del teatro che spesso ci dimentichiamo  il fatto che per due ore stacchiamo il telefono per dedicarci all’ascolto o per stare in scena e proporre qualcosa al pubblico».

Sia gli open day che i laboratori si terranno presso Young Talent di Jesi, per la fascia d’età 6-11 anni, e Motus Danza di Jesi. Per informazioni sui laboratori e per prenotarsi alle giornate di prova contattare il numero 329 9633207, o scrivere a pelledasinojesi@gmail.com o ai profili social di Pelle d’Asino. Il Green Pass sarà necessario per partecipare ai laboratori e verranno rispettate le norme di sicurezza covid.

 

A cura di Chiara Petrucci

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.