Polizia, arrestato aggressore sessuale socialmente pericoloso. Espulso dall'Italia si nascondeva a Jesi | | Password Magazine

Polizia, arrestato aggressore sessuale socialmente pericoloso. Espulso dall’Italia si nascondeva a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – Verso la fine di aprile K.D , cittadino polacco, 32enne, era stato espulso dal territorio nazionale in applicazione di una misura di sicurezza emessa dal Tribunale di Ancona in quanto soggetto ritenuto socialmente pericoloso.
L’uomo era stato allontanamento coattivamente dal territorio italiano, a conclusione di un periodo di detenzione in carcere per aver commesso svariati reati tra cui rapine, furti e un paio di episodi di aggressione e violenza sessuale, di cui uno consumato a Moie e risalente al 2014, ai danni di una dottoressa del Distretto sanitario, e un altro a Jesi a spese di una disabile.
Nonostante il divieto di reingresso di anni 10, il predetto era ritornato clandestinamente in Italia trovando ospitalità in un’abitazione di Jesi, presso suoi familiari.
Nella mattinata di ieri, gli agenti del Commissariato di Jesi, agli ordini del Dirigente Michele Morra, intorno alle 7.00, hanno fatto irruzione nell’appartamento, sorprendendo l’uomo e dichiarandolo in stato d’ arresto. Trattenuto presso il Commissariato in attesa del  giudizio con il rito direttissimo, nella mattinata odierna il giudice ha convalidato l’arresto ed ha disposto per  K.D il trattenimento in carcere in attesa di una nuova espulsione coattiva.
Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.