Recupero della casa natale di Gaspare Spontini, il sindaco: «Un nuovo sito per la valorizzazione della figura del Maestro» - Password Magazine

Recupero della casa natale di Gaspare Spontini, il sindaco: «Un nuovo sito per la valorizzazione della figura del Maestro»

MAIOLATI SPONTINI – L’inaugurazione del giardino della Casa Museo di Gaspare Spontini, in programma venerdì 25 agosto (dalle ore 16,30) nel capoluogo collinare, sarà l’occasione anche per presentare alla cittadinanza il progetto di rifacimento della Casa natale del compositore, da tempo in stato di abbandono, che sorge all’uscita del paese, nella strada che porta a Cupramontana. Il progetto definitivo, approvato dalla Giunta, prevede il restauro, consolidamento, miglioramento antisismico e recupero funzionale per la casa natale, tra i più significativi luoghi spontiniani, e del fabbricato adiacente, denominato casa Sorana, acquisito dal Comune ormai 23 anni fa. I due manufatti costituiscono un complesso architettonico unico, che è stato gravemente danneggiato dal sisma del 2016.

Il progetto, curato dall’architetto Massimo Fiori, prevede una spesa di 800 mila euro e consentirà di creare un complesso funzionale unico, che potrà interagire con la Casa natale per visite guidate e percorsi di approfondimento della figura di Spontini. L’edificio adiacente, inoltre, sarà destinato a centro servizi culturali, il tutto correlato e interfacciato nell’insieme dei luoghi spontiniani e delle varie attività e iniziative promosse dall’Amministrazione comunale e da sviluppare intorno alla figura del grande Maestro.

La casa natale è tutelata con Regio Decreto del 6 aprile 1924, tutt’ora valido ai sensi dell’attuale Codice dei Beni culturali e del paesaggio, per il valore storico testimoniale rappresentato, appunto, dalla nascita in questo luogo di Gaspare Spontini. Un edificio che, sotto il profilo architettonico, conserva caratteri stilistico costruttivi della tradizione antica, capace di suscitare suggestioni e immagini della vita popolare dei secoli scorsi. Il progetto, quindi, curerà gli aspetti delle finiture e della sistemazione formale degli ambienti per recuperare la memoria storica, mentre i locali dell’edificio adiacente saranno adattati alla nuova destinazione d’uso di centro culturale.

Le prossime scadenze per le fasi attuative dell’opera saranno fine anno, come termine per l’approvazione del progetto esecutivo, e aprile del 2024 per l’inizio dei lavori, che dovranno essere conclusi entro il 31 dicembre del 2025 con tanto di certificato di collaudo.

Il sindaco Tiziano Consoli ci tiene a sottolineare come sia stato raggiunto «un risultato importantissimo e atteso da tempo. Sarà recuperata, valorizzata e resa fruibile una testimonianza spontiniana fra le più significative, che consentirà di proporre la figura del nostro grande compositore in maniera ancora più attrattiva ed efficace, anche dal punto di vista turistico. Un risultato, quello della partenza dell’iter del progetto di restauro e adeguamento, reso possibile anche dal fatto che l’intervento è stato inserito come opera strategica della Regione Marche, nell’ambito della riqualificazione sismica, per il suo valore storico. Ringrazio la sensibilità del senatore Guido Castelli, commissario alla ricostruzione post sisma, che ha creduto nella validità del piano di recupero che abbiamo proposto, e il consigliere regionale Marco Ausili che ha valorizzato il progetto nelle sedi istituzionali opportune».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.