Orario ridotto per musei e Ufficio turismo. Binci (PD): «Un'estate non per tutti». | Password Magazine

Orario ridotto per musei e Ufficio turismo. Binci (PD): «Un’estate non per tutti».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Chiusura domenicale dell’ufficio turismo e riduzione orari dei musei civici: è l’oggetto dell’interrogazione presentata dal Consigliere comunale del PD Andrea Binci, in vista della prossima seduta fissata per il 24 luglio.

«Recentemente l’Amministrazione Comunale con decreto dirigenziale 48 del 13/06/18 ha disposto una sensibile variazione dei servizi con la chiusura domenicale dell’ufficio turismo, che si va ad aggiungere alle chiusure nelle  giornate di lunedì e festivi» si legge nel documento. Inoltre «sono stati disposti orari ulteriormente ridotti per lo Studio per le Arti della Stampa» così come per la Casa Museo Colocci, «quando la struttura in passato era fruibile da giugno a settembre dal martedì alla domenica».

Disposti nuovi orari anche per la Biblioteca Planettiana (Centrale, Salara e sezione ragazzi) con apertura solo al mattino e chiusura dal 6 al 18 agosto 2018.

«Proprio in questo periodo i turisti potrebbero arrivare nella nostra città e di conseguenza occorrerebbe pianificare un’attività volta ad accogliere al meglio chi viene a Jesi, permettendogli di informarsi e di visitare i nostri musei cittadini – sostiene Binci – La chiusura domenicale dell’ufficio turismo, così come la riduzione degli orari di alcuni musei civici, potrebbe significare al contrario un disservizio o comunque un’azione che non va nella direzione della promozione del territorio»..

Secondo il consigliere comunale del PD  Binci mancherebbe una strategia di fondo capace di valorizzare il centro storico e le sue risorse durante il periodo estivo: ne è sintomo il cartellone di Jesi Estate, che definisce «mezzo vuoto».

«Al di là delle apprezzabili manifestazioni di privati e associazioni – spiega Binci – le iniziative del Comune sono quasi pari allo zero. Si promuovono eventi di nicchia, come il Jazz Festival, una tre giorni per la quale l’anno scorso si è speso oltre 30 mila; o la mostra dedicata a Betto Tesei che, per quanto lodevole, attira il pubblico ridotto degli esperti e degli amanti dell’arte, con un esborso dalle casse del Comune di circa 13 mila euro».

Per Binci, la soluzione è indirizzare le risorse verso un cartellone più ampio e popolare: «Con quei 50 mila euro si sarebbero potute fare altre cose: come riproporre, ad esempio, il cinema all’aperto che avrebbe riscosso sicuramente un maggior numero di adesioni tra la popolazione».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.