Stu Campo Boario, un'idea costata circa 1 milione e mezzo di euro | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Stu Campo Boario, un’idea costata circa 1 milione e mezzo di euro

JESI – Ammonterebbe a circa 1 milione e 400 mila euro, i costi tra oneri fiscali, spese di gestione e incarichi professionali, sostenuti dalla STU Campo Boario spa, la società di trasformazione urbana che avrebbe dovuto procedere alla riqualificazione, rimasta poi sulla carta, del quartiere San Giuseppe.

Un intervento di recupero urbano su 20 ettari distribuiti tra Porta Valle e San Giuseppe, passando per l’ex Mattatoio e l’ex Cascamificio, rimasto poi solo un’idea. Costata ai cittadini quasi 1 milione e mezzo di euro.

La “Torre ERAP” rimane l’unica previsione del Piano di Recupero che sta per essere effettivamente realizzata, la palazzina a 7 piani osteggiata dai residenti da cui saranno ricavati una trentina di appartamenti di edilizia agevolata in via Tessitori.

Intanto, è già avviata da un paio d’anni liquidazione della Stu, bloccata però da un contenzioso tra la società stessa, varata nel 2006, e il fisco, legato alle imposte di registro. Dato che il piano non è stato attuato, il fisco  chiede la differenza tra quanto versato in forma ridotta – per i beni conferiti dal Comune alla Spa sulla base di una tassazione agevolata alla luce del piano di recupero – e la ben più alta tassazione ordinaria.

E finché tale situazione non sarà risolta non si potrà procedere alla liquidazione della STU.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.