Matt Cancelleria

Figaro a Forum su Rete 4 vince il processo contro la moglie e il cognato

JESI – Grande interesse ha suscitato nei cittadini jesini la presenza di Graziano Fabrizi, detto Figaro, nella trasmissione Forum andata in onda oggi dalle 14 su Rete 4. Figaro, storico barbiere della città, è noto a Jesi per essere un personaggio legato al mondo dello sport e come presentatore di vari eventi non solo sportivi. Nel programma televisivo di tipo giuridico non istituzionale, Graziano ci è finito per un problema di denaro con la moglie Francesca e il fratello di lei, Massimiliano, suscitando da subito molta curiosità e vari post sui social network tra gli abitanti della città da cui proviene.

La donna avrebbe versato del proprio denaro (circa 55’000€) per finanziare la nuova attività del fratello senza dire nulla al marito. Graziano sostiene che Massimiliano avrebbe influenzato Francesca in un periodo della vita in cui la donna, a causa di vari eventi negativi tra cui una depressione, non era capace di prendere lucidamente certe decisioni.

Dopo una lunga discussione, sia il voto del pubblico che la sentenza del giudice, pur con sfumature diverse, hanno dato ragione a Figaro. Il Giudice Nino Marazzita ha sentenziato di non riscontrare prove certe ne di possedere referti medici a dimostrazione dell’incapacità di Francesca di  decidere. Tuttavia, visto che il matrimonio è avvenuto in comunione dei beni, doveva prendere questa decisione insieme al marito. Massimiliano, dal canto suo, doveva accertarsi di tutti i dettagli della provenienza del finanziamento diventando, non avendolo fatto, corresponsabile in solido della sottrazione di denaro che, a questo punto, va restituito.

Nelle battute finali, Figaro ha dichiarato di non voler indietro la parte della moglie e, sarcasticamente, ha detto su Massimiliano “tanto non ha un soldo, quando me li da…”

Grande prova di recitazione per il nostro  Figaro e sua moglie Francesca Balducci che, nel programma, altro che non interpretavano una parte, anche se la vicenda narrata si ispira a una causa reale. Bravo anche Massimiliano che, originario di Castelfidardo, con la coppia jesina non condivide alcun legame di sangue se non la passione per il teatro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.