L'assessore Butini: "Critiche troppo dure, FPS verso progetto di rete" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

L'assessore Butini: "Critiche troppo dure, FPS verso progetto di rete"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Le parole dell’assessore alla Cultura Luca Butini contro le critiche sui metodi di gestione delle risorse, pubbliche e private, della Fondazione Pergolesi Spontini, mosse dai professionisti dello spettacolo attraverso una petizione di 148 firme.

“Che Jesi, segnatamente la Fondazione Pergolesi Spontini, non sia affatto contro un progetto di rete che coinvolga la lirica ordinaria – vale a dire l’attività lirica che si svolge nei teatri di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo e Fano – è dimostrato dai fatti. Nel 2007 fu la FPS – teatro deputato alla
produzione lirica per la provincia di Ancona – a proporre, con l’avallo della Regione Marche, la costituzione del primo Circuito Regionale per la produzione lirica fra i teatri di Ascoli Piceno,  Fermo, Fano ed appunto Jesi. Nel 2010 fu la FPS a proporsi quale garante presso il Ministero per ottenere il recupero di un contributo ministeriale che rischiava di svanire per un vizio formale, così da consentire, in collaborazione, la stagione ad un teatro marchigiano.

Nel gennaio scorso fu la FPS a mettere a disposizione la “propria” Tosca affinché venisse rappresentata in altri teatri regionali,  proposta alla quale peraltro non è ancora stata data risposta! Ed infine veniamo allo scorso lunedì 8 settembre, riunione del Consorzio Marche Spettacolo sull’argomento: è stata ribadita – so quello che ho detto – la piena disponibilità di Jesi a collaborare con gli altri teatri marchigiani, prova ennesima ne è il rapporto che si sta costruendo con Ancona e che non vuole assolutamente considerasi escludente nei confronti di altri, così da aver ottenuto l’apprezzamento dell’Assessore Marcolini, presente alla riunione. Stupisce dunque leggere di “durissime critiche”, di progetto già deciso, di “dentro o fuori”.

L’obiettivo è troppo importante per essere trattato con il solo scopo del sensazionalismo: la nuova normativa per l’accesso ai contributi ministeriali, vitali per la sopravvivenza dell’attività lirica nella nostra regione, prevede una programmazione triennale; ciò significa mettere in campo non solo capacità organizzative e di direzione artistica, ma anche impegni di bilancio precisi e duraturi da parte delle diverse Amministrazioni coinvolte, comunali e regionale. Di questo, del profilo della sostenibilità economica della progettazione, non si è parlato nell’ultima riunione del CMS; com’è allora possibile che si affermi che il progetto comunque si farà? Inoltre, le necessità di mantenere un margine di autonomia, manifestate insieme alle dichiarazioni d’intenti dagli enti teatrali e dalle amministrazioni comunali presenti, meritano una riflessione che non è stato possibile affrontare in quell’occasione.

Il Consorzio Marche Spettacolo, di cui la Fondazione Pergolesi Spontini è Consorziato Promotore, nasce (art. 7 dello statuto) per essere l’organismo in cui ci si confronta, si condividono le criticità ed i progetti, ci si mette reciprocamente a disposizione per migliorare le proposte di spettacolo da vivo rivolte al bacino di utenti marchigiani (e non solo). Se mantiene questo profilo può funzionare, se invece diviene il luogo in cui andare ad ascoltare decisioni già prese”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.