A Jesi le Giornate Europee dell’Archeologia | Password Magazine

Festival Pergolesi

A Jesi le Giornate Europee dell’Archeologia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il 17, 18 e 19 giugno le Giornate Europee dell’Archeologia tornano in presenza.

Mariacristina Locatelli (Presidente Archeoclub D’Italia sede di Jesi):

«A Jesi testimonianze archeologiche risalenti al IV secolo dopo Cristo e le vedremo il 17 Giugno con escursione notturna a partire dalle ore 21 e 30. Sarà davvero un incontro affascinante». (Tutte le info su (15) Archeoclub d’Italia Nazionale | Facebook)

«A Jesi testimonianze archeologiche risalenti al IV secolo dopo Cristo e le vedremo il 17 Giugno con escursione notturna a partire dalle ore 21 e 30. Sarà davvero un incontro affascinante. La Chiesa di Santa Maria del Piano, un tempo abbazia, a qualche centinaio di metri a sud delle mura cittadine di Jesi, presenta attualmente una modesta facciata neoclassica, frutto delle rielaborazioni operate nei secoli XVIII-XIX, la quale non rende giustizia all’antica ed interessante storia dell’abbazia risalente all’Alto Medioevo”. Mariacristina Locatelli, Presidente Archeoclub D’Italia sede di Jesi.  

Il 17 – 18 – 19 Giugno, in tutta Europa le “Giornate Europee dell’Archeologia”. In Italia gli eventi saranno numerosi e davvero belli.

«In un documento del 1211  si cita questo monastero come uno dei più potenti della Vallesina; le sue proprietà si estendevano, infatti, dal Nevola (diocesi di Senigallia) e il Musone (diocesi di Osimo).

Da allora  sono avvenute numerose trasformazioni di cui si colgono interessanti tracce sovrapposte, evidenti nelle strutture murarie.

Soprattutto dagli anni settanta del 1900 si sono scoperte – ha continuato la Locatelli –  e valorizzate le testimonianze archeologiche più antiche che vanno dalle tombe a cappuccina e a cassa del IV-V sec. d.C.  al sarcofago lapideo del VIII-IX sec. al lacerto di affresco del XI-XII.

Tali reperti suggeriscono di interpretare l’insieme come una basilica funeraria collegata alla prima comunità cristiana di AESIS (IV-V sec.)

Inoltre non si può trascurare l’organo settecentesco, tuttora funzionante, sul quale si esercitò, giovanissimo, il celeberrimo compositore Gaspare Spontini manifestando così il proprio talento musicale».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.