Equa la Festa, mano-mettiamo il futuro (2 e 3 luglio a Villa Borgognoni) | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Equa la Festa, mano-mettiamo il futuro (2 e 3 luglio a Villa Borgognoni)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L’assessore Campanelli, Emanuela Bartolini e Consuelo Paris per SpaziOstello

JESI – Sabato e domenica a Villa Borgognoni va in scena la nona edizione di Equa la Festa. Quest’anno gli organizzatori hanno scelto di focalizzare l’attenzione su due tematiche, i migranti e i beni comuni.  Mano-mettiamo il futuro, piantiamo semi di accoglienza e prosperità condivisa, sottotitolo della manifestazione, la dice lunga sui contenuti.
Sabato 2 luglio dalle 18.30 si parlerà di Beni Comuni, in primis proprio Villa Borgognoni attualmente di Progetto Jesi ma che tornerà nelle mani del comune nei prossimi mesi: parteciperà il sindaco Massimo Bacci, il giurista Ugo Mattei, l’Ostello delle Idee, rappresentanti della Fabbrica di Olinda di Milano e della Casa delle culture di Ancona (spazi comuni autogestiti). Maxi schermo per la partita di calcio dell’Europeo e poi si balla con i quindici elementi della Libera Accademia del Jazz Big Band diretta da Roberto Gazzani. Spazio anche al baratto: dalle 16 alle 20 torna “Lo scatolone”, ideato dal gruppo Non lo faccio per i soldi, un libero mercatino di scambio o offerta delle  vecchie cose dimenticate negli scatoloni del garage o della soffitta.
Domenica alle 18.30
andrà in scena “L’altro straniero”, spettacolo teatrale che coinvolgerà il pubblico per cercare soluzioni alle scene “irrisolte” che verranno presentate. Gli attori (le richieste sono state molto numerose ), sono rifugiati del Gus, semplici cittadini e operatori del settore, che già da sabato si prepareranno con laboratori ad hoc per mettere in scena  la rappresentazione.
Sempre domenica, alle 19.30 racconti e testimonianze dal campo profughi di Idomeni con gli attivisti della carovana Over the Fortress partita alla volta del confine Greco-Macedone per sostenere le decine di migliaia di persone in fuga da guerre e miseria. La festa si chiude a suon di musica con il concerto dei Ciattamanband Supercalandra Powerfolk. Per tutti e due i giorni ci saranno stand delle associazioni e delle aziende biologiche del territorio, bar e stand gastronomici, giochi per bambini.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.