Addio ad Andrea, il 37enne morto nello schianto contro un albero | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Addio ad Andrea, il 37enne morto nello schianto contro un albero

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  «Faccio un salto a lavoro, torno presto» . Queste le ultime parole rivolte alla famiglia da Andrea Sarnese, il 37enne rimasto ucciso nell’incidente di domenica scorsa a Monsano. Un tragico schianto contro un albero, lungo via Marche, la strada provinciale 76, all’altezza della tipografia B-Bold ha spezzato per sempre la vita. Originario di Avellino, da alcuni mesi viveva a Jesi, dove si era trasferito per iniziare un progetto d’amore insieme alla fidanzata 25enne jesina. Con la ragazza, sognava un futuro insieme in città. Da pochi mesi si era trasferito presso la casa della zia di lei, che lo aveva accolto ben volentieri, prestandogli anche l’automobile se serviva. Una soluzione momentanea finché la coppia non avesse trovato una casa da condividere. Nel frattempo, circa un mese fa, l’uomo aveva trovato anche un impiego presso la ditta ArredoFest, nella zona industriale di Monsano, dove lavorava come operaio tuttofare. Tutto sembrava andare per il verso giusto fino all’arrivo di quella tragica sera. Mancava poco alle 20 quando il 37enne decide di uscire di casa, dopo un pomeriggio trascorso con la ragazza. Alla zia che lo ospita dice di non preoccuparsi, che farà presto e di lasciargli la cena in caldo. Prende l’auto della donna, una Fiat 500, vecchia ma in buone condizioni, e parte per raggiungere la ditta. Non è chiaro cosa dovesse  fare, forse prendere qualcosa che aveva dimenticato visto che lunedì sarebbe dovuto partire per un viaggio di lavoro. Alle 20.10 era già sulla strada del ritorno. Ma a casa non sarebbe mai arrivato. Improvvisamente, l’auto si schianta contro l’albero posto sul lato della carreggiata. Un impatto violento, che ha fatto saltare il motore sul sedile. Il poveretto finisce schiacciato contro il volante.

Sono due automobilisti di passaggio ad accorgersi dell’auto accartocciata sulla strada. Chiamano subito i carabinieri e iniziano così le operazioni di recupero insieme a vigili del fuoco e 118. Per il ragazzo però non c’è stato nulla da fare: è morto sul colpo. I soccorritori non sono riusciti a trovare neanche i suoi documenti, forse andati perduti nello schianto. Si sono rivolti alla povera zia per accertarne  l’identità. A causare l’incidente, un malore o forse una distrazione al telefonino. Saranno i risultati dell’esame autoptico a far chiarezza sulla vicenda. I funerali si svolgeranno ad Avellino nei prossimi giorni, come richiesto dalla famiglia di lui che attende il rientro della salma straziata dal dolore.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.