Alluvione, tante famiglie alle prese con i danni. L’ incontro di Insieme civico

JESI – Insieme Civico ha aperto le porte della sede di via Setificio ai cittadini colpiti dall’alluvione. “Un incontro positivo e costruttivo, visto che i presenti hanno potuto dire la propria esperienza e soprattutto i danni che hanno subito – si legge in una nota del movimento – Le vie presenti, oltre alla zona san Giuseppe anche via Gramsci, San Savino, zona prato, zona piscina e altre ancora. All’incontro era presente anche un amministratore di vari condomini cittadini che ha fatto presente le problematiche dei relativi edifici ed attività. È stato riferito che in via Telai ci sono stati diversi problemi ai condomini tra cui in uno era presente anche un’ auto che è stata sommersa dall’acqua”.

Oltre alla manutenzione delle fogne e la loro pulizia che vengono effettuate, dall’incontro sono emersi ancora problemi come il sistema fognario stesso in quanto non è più sufficiente perché  progettato per una certa quantità di palazzi e abitanti che ora sono aumenti mentre le fogne no. “Il viale della vittoria, con la consistente quantità d’acqua è diventato un vero e proprio fiume mentre tutte le vie in discesa che si collegano, affluenti. Questo si è potuto verificare anche nel 2005 e nel 2016 dove ci sono stati danni causati dall’acqua consistente – continua la nota – A tal proposito alcuni cittadini hanno detto che quando è stato rifatto il viale della vittoria si poteva pensare a rivalutare il sistema fognario della zona.  Una proposta per il viale della vittoria potrebbe essere quella di effettuare una potatura degli alberi non solo sotto, ma anche sopra in modo da sfoltirli e ridurre anche la quantità di foglie che cadono e vanno ad ostruire i tombini”.

Altre proposte oltre a quelle di ampliare i tombini presenti con altri sistemi c’è quella di creare su tutte le strade che confluisco al viale della vittoria una grata grande per facilitare lo scolo dell’acqua e successivamente a fine viale della vittoria nell’intersezione tra via erbarella e via Garibaldi, creare altre grate con capacità di ricevere acqua maggiore che tagliano tutta la sede stradale.

I cittadini sperano in un rimborso dei danni subiti a seguito della richiesta dell’amministrazione dello stato di calamità alla Regione altrimenti senza nessuna copertura assicurativa, deve essere tutto a carico dei cittadini.

“Una serata davvero piacevole – conclude la nota – con un confronto costruttivo con i cittadini presenti senza parlare di politica e senza criticare l’operato di nessuno. Siamo soddisfatti di questo incontro e ne seguiranno altri per discutere di altre tematiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*