Disagio post-pandemia. Parla Katia Marilungo (Ordine Psicologi Marche) | Password Magazine

Festival Pergolesi

Disagio post-pandemia. Parla Katia Marilungo (Ordine Psicologi Marche)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – «Durante la pandemia le sintomatologie psicologiche sono schizzate. I disagi principali sono ansia, crisi depressive, attacchi di panico, paura di uscire» spiega la dottoressa Katia Marilungo, Presidente dell’Ordine degli Psicologi delle Marche. La costrizione a casa ha fatto emergere nuovi dati allarmanti: «Non tutti hanno le stesse possibilità e condizioni domestiche. Spesso le abitazioni sono troppo piccole per ospitare più familiari nello stesso nucleo. Il risultato è un contesto caotico e denso di stress e sofferenza».
Per fronteggiare l’emergenza, l’Ordine degli Psicologi ha fatto votare, il 6 agosto scorso, la legge regionale che istituisce il servizio di psicologia scolastica. La Regione Marche è uno dei casi sporadici ad averla approvata. Eppure anche le Marche hanno risentito della sospensione del bonus psicologo: «Non sono stati letti adeguatamente i bisogni della popolazione – prosegue Marilungo .- Ad oggi c’è un generale stato di confusione, con l’aggravarsi di situazioni prima gestibili. La pandemia ha slatentizzato tante problematiche e conflittualità che erano sopite, familiari, relazionali e di coppia. Il bonus sarebbe stato fondamentale per sanare situazioni borderline evitando che si aggravassero».
Anello debole sono i più giovani: «Benché i ragazzi sembrino i più ribelli e vengano dipinti come quelli che infrangono le regole, c’è una parte silente che non viene vista”. In aumento anche le dipendenze tecnologiche e gli atteggiamenti di chiusura: «Proprio​ in questi mesi stiamo ravvisando molti giovani universitari che non vogliono frequentare, preferiscono studiare da casa. Sembra non abbiano più stimolo a fare attività fuori, anche quando possono».
L’emergenza psicologica non è di certo in fase di rientro: «Senza ombra di dubbio le ricadute si sentiranno nel lungo periodo. La fase della crisi è quella in cui si reagisce. Si risente solo in seguito delle maggiori conseguenze psicologiche. Il cosiddetto long-Covid può essere interpretato anche sul piano psicologico».
I social, dai quali emerge un grande astio sociale, sono lo specchio di una società nettamente divisa su temi come vaccini e cure: «La popolazione si sta polarizzando. O è altamente sfidante su regole e dpcm (è il fronte del negazionismo). O, all’estremo opposto, ci sono persone che limitano la propria libertà​ ancor più di quanto dovrebbero per legge. Sono due facce della stessa medaglia, la radice comune è l’incapacità di gestire l’ansia del Covid. È un meccanismo di difesa che viene attivato quando si prova un forte senso di angoscia. Chi riesce a gestirla non assume posizioni nette, ma cerca la mediazione, ricontrattando il proprio punto di vista».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.