Biblioteca La Fornace, bilancio del progetto “BookBox” ad un anno dall’avvio - Password Magazine

Biblioteca La Fornace, bilancio del progetto “BookBox” ad un anno dall’avvio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – La biblioteca La Fornace di Moie festeggia un anno di book box. Si tratta di un progetto, realizzato tramite il Gruppo volontari della biblioteca e il Gruppo Solidarietà, il cui scopo era creare piccole biblioteche nelle sale d’attesa di luoghi frequentati da bambini e adulti (studi medici, farmacie, centri estetici, saloni). L’idea era nata a Firenze dall’Associazione Autismo Firenze Onlus, in collaborazione con l’Asl 10 del capoluogo toscano, diffusa poi in diverse città italiane. 

A Moie l’iniziativa ha risposto a una duplice esigenza: da una parte, avviare un progetto che renda soggetti attivi le persone con disabilità che già frequentano le due strutture, La Fornace e il Gruppo solidarietà, creando con loro uno spazio frequentato da persone eterogenee e con un obiettivo condiviso, dall’altra trovare una destinazione d’uso ai tanti libri donati dai privati o che non trovano più posto negli scaffali della biblioteca con l’arrivo delle novità editoriali. 

Ebbene, ad un anno dall’inizio del progetto, sono stati inventariati ben 5.204 libri, quelli donati, ossia contenuti nelle scatole, sono stati 4.501

I libri recensiti sono stati 109. Ogni scatola, infatti, ha un libro recensito e presentato nella pagina Facebook de La Fornace da uno staff di una ventina di persone, formato da volontari della biblioteca, del Gruppo solidarietà e da persone con disabilità che frequentano la struttura di Moie e che sono state coinvolte nel progetto. Collaborano anche gli operatori del gruppo esterno del Centro Papa Giovanni XXIII di Ancona, una decina di persone che raccolgono libri nel capoluogo dorico e li portano una volta al mese a Moie.

I libri, quindi, sono stati messi in circolazione. Sono state collocate 41 “BookBox” in luoghi diversi: una in un ambiente sportivo, 25 scatole dai commercianti (parrucchiere, negozi di abiti, bar, concessionarie o negozi per la cura del verde), 4 scatole al terzo settore o associazionismo (come la Caritas e la sede di associazioni varie), una scatola è stata sistemata in parrocchia e dieci in ambiente sanitario (farmacie, studi medici e pediatrici, case di cura). 

Il progetto si è caratterizzato anche per aver diversificato le sue azioni. Oltre alla preparazione delle scatole, sono state organizzate letture nelle strutture dedicate ai più fragili, come la Casa di riposo e la Casa di cura, sono stati creati quadretti natalizi in regalo per gli esercenti, decorazioni e libri nascosti (impacchettati con stoffe, nastri e carte colorate). 

Sono stati attivati anche due corsi, uno di arteterapia e uno di gestione del BookBox, mentre un terzo, sulla lettura ad alta voce, partirà a gennaio. 

Una volontaria del BookBox, Gessica Baioni, insieme con Maria Rita di Palma, hanno scritto il libro “L’amore sopra ogni cosa”, in collaborazione con Anemos odv, biblioteca La Fornace e CoossMarche. Sonia Mazzoni, altra volontaria di BookBox, ha scritto “La casa n.2”, ispirato proprio all’attività di volontariato all’interno del progetto.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.