Castebellino spegne le luci per "M'illumino di meno" e il castello scompare nel buio | | Password Magazine

Castebellino spegne le luci per "M’illumino di meno" e il castello scompare nel buio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – L’Amministrazione Comunale di Castelbellino ha aderito all’iniziativa “M’illumino di meno”, intitolata “SPEGNI LO SPRECO, ACCENDI LA CULTURA” che pone l’attenzione sulla promozione di buone pratiche e si affianca al consueto invito ad aderire ad un simbolico “silenzio energetico” il 13 febbraio 2015 dalle ore 18, rendendo visibile la propria attenzione al tema della sostenibilità con lo spegnimento simbolico di monumenti, piazze e luoghi pubblici.

Il Centro Storico di Castelbellino sarà spento dalle 18 alle 20 di venerdì 13 febbraio e lo spegnimento provocherà la scomparsa visiva in lontananza del castello nella visione dalla Vallesina inglobando il messaggio di fondo nell’assenza; per l’occasione, oltre ad essere calati in una dimensione immaginifica e tenebrosa del Centro Storico al buio, sarà possibile visitare il Museo Civico Villa Coppetti, il Palazzo Comunale, ed il Teatro Comunale Beniamino Gigli, che rappresentano le sedi diffuse nel centro storico del ciclo pittorico permanente costituito da grandi tele del pittore Augusto Salati denominato “Requiem” e dedicato a Mozart. A tutti i partecipanti, verrà fatto dono del catalogo dell’esposizione permanente. Il ritrovo è previsto alle ore 18 nel Museo Civico di Villa Coppetti.

Il Sindaco di Castelbellino, Andrea Cesaroni – : “L’adesione e l’occasione, hanno un valore simbolico, per sollecitare nei confronti della cittadinanza in maniera costruttiva il tema relativo alle problematiche ambientali ed energetiche con l’adozione di pratiche per il risparmio energetico. Al Decalogo delle Buone Abitudini  per “M’illumino di meno”, che invitiamo tutti a leggere e far proprio come insieme di importanti consigli per ridurre il consumo di energia, associamo anche la buona abitudine di una visita ai nostri beni culturali, illuminati, come sempre, principalmente dall’energia derivante dalla loro storia e dalla loro bellezza”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.