«Caterpillar, l'azienda cerca acquirente». Lavoratori occupano la SS76, presto presidio al Mise | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Caterpillar, l’azienda cerca acquirente». Lavoratori occupano la SS76, presto presidio al Mise

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Questo è il tempo di provare a salvare l’azienda»: tuonano così le organizzazioni sindacali a seguito dell’incontro avvenuto stamattina con la direzione Caterpillar e convocato a pochi giorni dalla presentazione di una denuncia per attività antisindacale (ex art. 28) nei confronti della multinazionale, ricorso che trova già nella data del 9 febbraio la prima udienza dibattimentale.
E intanto i lavoratori continuano a manifestare e occupano la SS76.

Screenshot_20220113-161009_Photos

Non si arrendano i dipendenti dello stabilimento jesino che hanno deciso di far sentire ancora una volta la loro voce con un corteo di protesta che dalla fabbrica ha raggiunto e invaso la superstrada.

A seguito della procedura di licenziamento collettivo e conseguente chiusura del sito produttivo di Jesi, questa mattina si è svolto, in modalità remoto, l’incontro tra sindacati e Direzione aziendale:

«Abbiamo ribadito con estrema chiarezza che non solo non condividiamo le ragioni che hanno portato Caterpillar alla decisione di chiusura dello stabilimento, ma che inoltre chiediamo l’annullamento della procedura stessa – fanno sapere i sindacati di Fim, Fiom e Uilm – Caterpillar, nel confermare la sua decisione di chiudere lo stabilimento, ha dichiarato la disponibilità a cedere le attività e i lavoratori qualora si presentassero adeguati interessamenti industriali. In ragione di ciò avrebbe già individuato un Advisor per sviluppare quanto prima un lavoro di ricerca e di individuazione dei soggetti interessati».

20220113_133741

E’ quanto ribadito dal coordinatore Fiom-Cgil nazionale Mirco Rota a seguito dell’incontro:

«Abbiamo chiesto a Caterpillar una sospensione dei tempi della procedura di mobilità affinché l’Advisor possa avere il tempo adeguato per svolgere il lavoro di analisi e ricerca. Solo così si renderebbe efficace e credibile una ricerca di soggetti industriali con la finalità di mantenere in funzione lo stabilimento di Jesi. Su questo punto l’azienda, dopo lunga discussione, si è riservata una risposta già dai prossimi giorni. Inoltre, l’azienda ha voluto informare le organizzazioni sindacali che già nella giornata di giovedì 20 gennaio si terrà una visita da parte di un’azienda interessata allo stabilimento. Per questo motivo abbiamo convenuto di fissare un prossimo incontro già per il giorno successivo per conoscere eventuali esiti della visita ed un aggiornamento della situazione».

20220113_135305

Per Rota questo non è il momento di pensare agli incentivi ma di provare a salvare lo stabilimento: «Abbiamo respinto la richiesta dell’azienda di iniziare la discussione su tutti gli strumenti e/o azioni diversi dalla reindustrializzazione ritenendo prioritario l’obbiettivo della continuità produttiva del sito. Infine, abbiamo chiesto che anche Caterpillar, al pari del sindacato, chieda la convocazione di un tavolo presso il Mise affinché anche il ministero faccia assumere a questa vertenza un’importanza di livello nazionale e non relegata solo all’interesse delle istituzioni locali».

A tal fine, mercoledì 19 gennaio si terrà un presidio di Fim Fiom Uilm alla presenza di tutte le lavoratrici e lavoratori a Roma presso il Mise.

A cura di Chiara Cascio

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.