Claudia, commerciante: «Noi imprese lasciate sole e senza aiuti» | | Password Magazine

Claudia, commerciante: «Noi imprese lasciate sole e senza aiuti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – «Noi imprese stiamo lentamente morendo, continuare a sperare allunga soltanto la nostra agonia». A rompere il silenzio è Claudia Mencarelli, 32 anni, titolare del negozio d’abbigliamento Kaki&Me, a Chiaravalle, in via Rosselli.

Dopo il nuovo Dpcm del premier, la giovane imprenditrice ha pubblicato sui social un video di denuncia, superando tra Instagram e Facebook le 20 mila visualizzazioni: le sue sono parole di indignazione e di sofferenza, cui si accompagna la richiesta di aiuti concreti dallo Stato o il rischio sarà quello di una crisi devastante.

«Dopo una notte insonne e non è la prima – dice – è arrivato il momento di parlare. Per tutti noi, cittadini e commercianti, c’è stata una fase di smarrimento, poi l’attesa e infine la speranza che qualcosa potesse cambiare, che qualche aiuto arrivasse. Da marzo ci dicono che lo Stato non ci lascerà soli ma io non ho visto nessun sostegno».

Sono passati 10 anni da quando Claudia ha avviato la sua boutique, un’attività che con tempo, fatica ed energia è cresciuta arrivando a comprendere anche quattro collaboratori. Delle misure per le aziende di cui ha fatto richiesta, la 32enne chiaravallese non ha percepito nulla, né le casse integrazione per i dipendenti né i 600 euro di bonus: «Anche io vorrei restare a casa ed evitare il rischio del contagio, proteggere i miei dipendenti, i miei cari, la mia famiglia, ma lo Stato deve darmi la possibilità di poterlo fare. Eppure non mi sento tutelata. Noi imprese stiamo morendo, soffocate, e insieme a noi si scatenerà un effetto domino con ripercussioni terribili per la nostra economia e i servizi. Non arriverà nessuno ad aiutarci, questo ormai è chiaro. E la speranza cui restiamo attaccati non ci aiuterà ma allungherà solo questa agonia».

L’imprenditrice non si dà comunque per vinta: «Lotterò fino all’ultimo per proteggere tutto ciò che ho costruito, non me lo porteranno via – spiega -.  Da marzo, la mia attività ha incassato zero. In un aprile qualunque avrei dovuto incassare 28 mila euro solo per coprire le spese di gestione del personale e parte della merce. Le entrate di questo mese sono state invece pari a 586 euro e grazie all’e-commerce. Non serve fare calcoli approfonditi per dimostrare che così non si va avanti. Siamo allo stremo delle forze: questo non è lavorare ma è tentare di sopravvivere».

I commercianti temono di chiudere, i fornitori di non incassare: «La merce che abbiamo nei nostri negozi non può essere venduta ma la dobbiamo comunque pagare. I capi di abbigliamento sono soggetti a stagionalità ed è ovvio che quello che andava bene per febbraio/marzo aprile non si potrà rivendere a maggio. Le spese aumentano, non c’è più tempo». Tante le incognite per il futuro: «Se i clienti continueranno ad avere paura del contagio non compreranno. Come riapriremo? Che misure dovremo adottare per essere in sicurezza? In silenzio non ci sto più, urlerò se servirà. Io voglio rimanere a casa ma devono permettermi di sopravvivere rimanendoci».

 

Oggi voglio parlare.Non per polemica, quelle vi prego da subito di lasciarle fuori. Parlo per necessità. E soprattutto per senso di responsabilità.Perché dopo la fase dello smarrimento è seguita quella dell’attesa e poi quella della speranza. Ora è il momento di prendere posizione.Ho cercato di tutelare la mia attività, e tutto quello che ho di più caro.(E si, i soldi e la famiglia, come la salute, che lo si voglia o no, vanno per forza di pari passo.)Abbiamo continuato a sperare per giorni e giorni. Che qualcosa cambiasse, che qualcuno ci aiutasse. Ma non è cambiato niente da quando le nostre attività sono state chiuse.Ora è la fase del prendere parola, e posizione.Su quello che penso e su quello che credo sia giusto. Ho pensato per giorni a cosa fosse meglio fare. Ho provato a dare messaggi positivi, di speranza e soprattutto energia.Ma non c’è più tempo.E va detta la verità. Noi stiamo morendo. Soffocati. Noi piccole imprese ma anche noi cittadini.Stiamo annegando lentamene perché rimaniamo disperatamente aggrappati a quel salvagente della “speranza.” In attesa che qualcuno ci venga a salvare.Vogliamo credere che nonostante le onde siano alte e l’acqua gelida, nonostante siamo dispersi soli in mezzo all’oceano, qualcuno verrà a salvarci, perché così ci hanno fatto credere.Beh inizio a pensare che questa speranza a cui rimaniamo disperatamente attaccati, invece non ci salverà ma allungherà solo l’agonia.Non verrà nessuno a salvarci. Stiamo affogando, e non vogliamo riconoscerlo.Sono parole forti, che mai ho usato, e me ne assumo la responsabilità.Un commerciante sa che esporsi è rischioso. Rischio oggi come ho rischiato il giorno in cui ho deciso di chiudere, autonomamente prima che venisse imposto. Lo rifarei, l’ho già detto più volte.Oggi però dico che è giusto mantenere le distanze, come è giusto che venga data una tutela alla popolazione. E alle imprese.Perché c’è una cosa che va capita: una singola anche piccolissima impresa, è collegata a tante altre. E da loro dipendono le vite di tante famiglie.Un commerciante non ama di solito esporsi perché per vendere devi essere accomodante e discreto. Mantenere un basso profilo. Devi accontentare. Devi piacere.E sentirsi dire che siamo in una situazione di merda, non piace a nessuno. Qui però non mi trovo solo io in ginocchio ma un paese intero.Ho pensato per giorni a cosa fare e continuavo a ripetermi “Così non ne usciremo.” Ma cosa fare? E cosa dire? Come dirlo, soprattutto.Poi mi sono ricordata di una cosa: non ho bisogno di parlare da commerciante, perché solo una commerciante io adesso non mi sento.Sono una cittadina. Sono parte di una comunità, e di una nazione.Da commerciante dico questo: ho creato il mio negozio perché fosse un luogo di incontro, di confronto, un contenitore di idee e creatività. La vendita è il pretesto, ciò che mantiene in piedi la struttura, quello che la fa vivere.Però parlo come Claudia, prima che da commerciante.Ci ho dedicato 10 anni della mia vita alla mia attività. I migliori probabilmente.Ho sputato sangue per crearlo e non ho risparmiato alcuna energia per farlo crescere.È una cosa MIA. C’è tutto quello che sono, lì dentro. C’è quello che penso, ci sono le mie passioni, le mie esperienze. Ci siete voi e chiunque abbia messo piede almeno una volta da Kaki&Me, virtualmente o fisicamente.Ci sono le persone a cui voglio bene, quelle che mi hanno aiutato a renderlo il posto bellissimo che è oggi, o almeno che era, fino al 9 Marzo. Quando abbiamo chiuso.Lì dentro ci sono tutti i Collaboratori che stimo e che voglio proteggere.In quel posto io ci sono cresciuta. Letteralmente. E lotterò fino allo stremo delle forze, per salvarlo.Ora arriviamo al punto.I nostri incassi sono stati quasi pari a 0 dal 9 Marzo. Come i nostri quelli di decine di migliaia di imprese italiane.Anzi vi dó delle cifre precise.Sapete quando dovremmo incassare mediamente nel mese di Aprile? Di un Aprile qualunque?28.000€ . Solo per sostenere i costi di gestione, del personale e della merce.Sapete quanto Abbiamo incassato nel “non qualunque” Aprile 2020?€586E in questo non qualunque Aprile è iniziata una cosa inevitabile, che io aspettavo. Non c’è speranza che tenga. Doveva succedere: in piena emergenza Coronavirus, emergenza che ha già portato ad una crisi sanitaria ed economica MONDIALE, inevitabilmente anche i fornitori hanno cominciato a sentirsi annegare, e quindi a pretendere il pagamento della merce.Pagamenti dovuti, ma che noi non possiamo sostenere ora. Nè io, nè chiunque altro abbia un’attività come la mia.La merce da pagare è merce che NON POSSIAMO VENDERE. È merce che anche potendo essere venduta nei prossimi mesi, probabilmente nessuno vorrà comprare.È il momento che qualcuno dica le cose come stanno, e che la mia categoria si arrenda all’evidenza delle prospettive e delle possibilità, e che reagisca soprattuto.Io ho un e-commerce, è un piccolo e debole appiglio, ma almeno una prospettiva.Chi questa possibilità della vendita online nemmeno ce l’ha, come farà?Come farà a pagare le spese che si continuano ad accumulare, senza poter incassare?I mie fornitori oggi mi dicono: “Non possiamo più aspettare”.Lo dicono a me che sono un ottimo cliente, uno in crescita, uno con potenzialità e ottime prospettive.Cosa diranno, o hanno già detto, ai più piccoli, quelli con le spalle meno forti, quelli con meno esperienze o mezzi meno efficaci?Io un piccolo mezzo ce l’ho e oggi decido di usarlo.È quello della parola.Non conta più lealtà, fiducia, fatturati, collaborazioni stabili, crescite potenziai o buone prospettive. Conta solo il qui ed ora.Morte tua,vita mia.“Non possiamo più aspettare”.E io, come tutti i miei colleghi, come pagheremo questi fornitori che non possono più aspettare? E gli affitti, le utenze, tutte le altre spese, senza incassare?Chiederemo aiuto alle banche, indebitandoci ancora? Con le pratiche di richiesta finanziamenti che andranno avanti per almeno un altro mese, ammesso che vengano concessi a tutti.Io non posso pagare subito, nonostante voglia, e non ci sarà tempo sufficiente per ripartire, e per poterlo fare.Io rimarrò in mezzo all’oceano. Annegherò, e come me, quasi tutti gli altri, se nessuno verrà a salvarci. Subito.NON C’È PIÙ TEMPO.“State tranquilli” Dal 9 Marzo ce lo sentiamo dire.“Vi aiuteremo” “Non vi lasceremo soli” ci hanno ripetuto le banche, lo Stato, gli stessi fornitori.“Siamo tutti nella stessa barca”Proprio per niente, capisco adesso.Ci sono barche che pur di non affondare, manderanno a picco le altre.E sarà una guerra. Dopo quella degli ospedali, scoppierà una battaglia diversa. Perché è vero che l’importante è la salute, ma se non si ha più nulla, anche la salute viene a mancare prima o poi.E quando riapriremo, COME riapriremo?!Con santificazioni continue, altre spese, rapporti commerciali andati in fumo, il terrore del contagio, la responsabilità di dipendenti che potrebbero ammalarsi?Se migliaia di imprese dovessero crollare, quei letti in ospedale che abbiamo difeso e per i quali abbiamo a tanto rinunciato, gli stipendi dei medici che potrebbero salvarci la vita, non potremo più averli.Come anche l’istruzione dei nostri figli, i servizi pubblici o la sicurezza.Se l’economia crolla, TUTTO crolla.E stiamo crollando. Rimanendo in silenzio.Restiamo a guardare mentre una bomba cade sulle nostre teste. No, io non ci sto più.Non entro nel merito politico o decisionale.Vedo solo un dato di fatto. Va trovata una soluzione.Lotterò fino alla fine, urlerò fino a perdere la voce, soprattutto proteggerò le persone di cui mi sono assunta la responsabilità. Mio figlio, la mia famiglia, e i miei dipendenti.E a loro soprattutto penso, perché io ho l’immensa fortuna di avere un tetto” libero “ dalle banche sopra la testa. Potremo cavarcela per un po’.Ma chi una casa non ce l’ha? Chi verrà messo alle strette, prima i poi, come stanno mettendo alle strette me i miei fornitori, magari per il pagamento dell’affitto o di un mutuo? Come pagheranno le bollette quelli che non riceveranno più lo stipendio? Chi ha figli da mantenere o genitori e parenti da accudire, come faranno?Perché la crisi riguarda tutti, che siamo imprenditori, dipendenti, professionisti, statali o pensionati. RIGUARDA TUTTI.Da soli, stavolta, non ce la faremo.È il momento che qualcuno si assuma la responsabilità della carica che ricopre, e ci aiuti.Io VOGLIO rimanere a casa.Devono peró permettermi di sopravvivere, rimanendoci.

Pubblicato da Kaki su Lunedì 27 aprile 2020

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.