Corinaldo, crolla porzione mura storiche: famiglie evacuate | Password Magazine

Corinaldo, crolla porzione mura storiche: famiglie evacuate

L'assessore regionale Aguzzi ha effettuato un sopralluogo: «Importante mettere in sicurezza le persone».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CORINALDO – Crolla una porzione delle storiche mura cittadine di Corinaldo. A cedere la parte che va dalla torre della Rotonda alla torre del Calcinaro, in via del Fosso, in un tratto già lesionato e che era destinato a un intervento di risanamento previsto dal Comune. Le piogge e la neve dei giorni scorsi avrebbero però dato un’accelerata al processo di decadimento.

L’assessore regionale alla Protezione civile e all’edilizia pubblica Stefano Aguzzi (foto in primo piano) si è recato questa mattina a Corinaldo per rendersi conto di persona dei danni provocati e per valutare quindi l’entità famiglie di fatto sono state evacuate dalle proprie abitazioni.

«Questo crollo infatti –  ha informato Aguzzi – ha interessato anche un’abitazione soprastante le mura, con una notevole inclinazione e ingenti lesioni dei muri. La soluzione è quindi un inevitabile abbattimento programmato. Ora si sta studiando un intervento urgente per scongiurare ulteriori crolli delle mura ma anche delle abitazioni immediatamente contigue. Le dieci famiglie interessate dai danni e da eventuali rischi sono state evacuate dalle loro abitazioni e attualmente sono ospitate dal Comune. Ieri sera, mi sono sentito con il dirigente della Protezione civile regionale per coordinare gli aiuti che sono immediatamente partiti dal punto di vista logistico (punti luce per operare anche di sera in sicurezza ed altre attrezzature necessarie) e fornire assistenza all’amministrazione comunale. Ci siamo mossi con rapidità ed efficienza per raggiungere il  prima possibile i luoghi. Questa mattina mi sono incontrato con il sindaco di Corinaldo, Matteo Principi, per condividere e comprendere meglio le necessità contingenti, non solo per quanto riguarda la Protezione civile che insieme ai Vigili del fuoco sta monitorando costantemente la situazione, ma anche sotto il profilo del sostegno economico per affrontare costi imprevisti e un’emergenza che potrebbe anche diventare sociale».

Questo pomeriggio si è insediata la ditta specializzata nell’abbattimento e quindi entro stanotte o al massimo domattina la zona potrà essere messa in sicurezza: «Certamente – ha detto Aguzzi – poi si aprirà la fase della ricostruzione di un eccezionale patrimonio storico-culturale di un borgo più bello d’Italia che sicuramente fa male vedere così ferito. Ma l’importante ora è mettere in sicurezza le persone».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.