Commemorazione dei defunti: musica e poesia al cimitero di Jesi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Commemorazione dei defunti: musica e poesia al cimitero di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una commemorazione dei defunti che collega la tradizione ad all’atmosfera emozionale della musica e del teatro.

Domani, 1 novembre, presso gli spazi del cimitero di Jesi, la Futura Società Cooperativa, d’intesa con il Comune di Jesi, propone l”Anima e la Memoria – interventi tra musica e poesia”, mise en espace di testi tratti dall’Antologia di Spoon River.

La terza edizione del progetto è curata da Lucia Bendia, artista jesina con brillante curriculum professionale, sia nel campo teatrale che in quello cinematografico. La stessa si avvarrà dei giovani attori della scuola Teatrotello e giovani musicisti operanti nel nostro territorio.

E’ uso invalso negli ultimi anni, in diverse città, eseguire testi poetici nei luoghi di sepoltura: “E’ come deporre un fiore, conferire grazia e bellezza al rito della memoria, offrendo al contempo una diversa possibilità di sguardo, un’opportunità di arricchimento alla cittadinanza che tradizionalmente si reca in quei giorni a visitare i defunti  – spiega la presidente della Società Cooperativa Futura Patrizia Barbaresi – La Cooperativa ringrazia l’Amministrazione comunale per aver accolto lo spirito e il senso profondo dell’iniziativa, facendola propria”.

“La Futura ha saputo unire l’aspetto pratico e professionale di cura e gestione degli ambienti cimiteriali a quello puramente emozionale della commemorazione – ha dichiarato Luca Butini, assessore alla Cultura di Jesi – Attraverso questa iniziativa esprime il proprio orgoglio per il servizio che offre alla comunità, dimostrando al cittadino l’amore e la cura che mette in questo”.

All’interno degli spazi del camposanto, sia vecchi che nuovo, saranno individuati tre o quattro luoghi deputati alle esecuzioni. In ciascuna postazione, saranno eseguiti quadri interpretativi di durata non superiore ai 15/20 minuti per consentire ai cittadini di fruire dell’offerta performativa,  senza oltraggiare i personali percorsi di visita.

Le performance – eseguite complessivamente da sette attori più due musicisti (chitarra e flauto) – si svolgeranno dalle 10 alle 12. 30 al cimitero vecchio e dalle 14.30 alle 16.30 nella parte nuova.

E conclude Lucia Bendia: il teatro si fa dove ci sono le persone.

Manifesto-L’anima e la memoria 2012 (1)

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.