Consiglio comunale, l’ingresso di Claudia Lancioni. Nominate Commissioni

JESI – Si è svolto questo pomeriggio il Consiglio comunale, il secondo dopo l’insediamento del Bacci bis. Ventidue i consiglieri presenti oggi in aula.

DIMISSIONI BERTINI, ENTRA LANCIONI

I lavori si sono aperti con un’inversione di “marcia” rispetto all’ordine del giorno comunicato, iniziando da subito con la convalida e surroga delle dimissioni del consigliere comunale M5S Luca Bertini. La votazione avvenuta all’unanimità ha permesso a Claudia Lancioni di prendere posto in Consiglio come rappresentante del Movimento 5 Stelle: “Sono molto emozionata – ha detto, occupando il seggio – Faremo un’opposizione ferma, contro qualsiasi cosa che vada contro i nostri obiettivi.  Mi impegnerò nel ruolo di portavoce del gruppo e dei cittadini che credono in noi, disponibile anche a collaborare con le altre forze politiche presenti in consiglio per il bene della città”. Claudia Lancioni prende il posto di Bertini come vice presidente anche nella Commissione elettorale comunale, come membro supplente in sostituzione del consigliere dimissionario.

TORRE ERAP, BACCI AL PD: “FUORI LE MOTIVAZIONI DI TALE SCELTA”

Il sindaco Massimo Bacci, dopo aver ricordato Federica Battaglia, recentemente scomparsa, è passato alle comunicazioni ufficiali: in primis la questione Torre Erap e l’assemblea indetta il 18 luglio, alle 21.00, dall’Amministrazione comunale e aperta a tutti gli interessati. “Sarà un’occasione per ascoltare i cittadini e per rendere pubblico l’iter politico che ha portato alle scelte fatta” ha detto il sindaco. Poi si è rivolto al consigliere Andrea Binci (Pd): “Chiedo a lui, che è stato presidente della III Commissione, o  qualcuno della vecchia Amministrazione, di spiegare quali sono le motivazioni che portarono a quella individuazione perché sono portato a pensare che quando si fanno delle scelte a livello pubblico ci sono sempre delle motivazioni importanti che le giustifichino”.

REFERENDUM, VERSO LA NOMINA DEI COMITATO DEI GARANTI

La parola è poi andata al presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi che ha ricordato il motivo per cui nell’ordine del giorno non è inserita la nomina del Comitato dei Garanti (specifico organismo indispensabile per le procedure referendarie, ndr) dopo che proprio ieri il PD, in una nota stampa, ne aveva sottolineato l’ assenza. Il presidente Massaccesi ha voluto rendere noto che “per motivi esclusivamente tecnici, essendo obbligatorio il passaggio attraverso la Commissione consiliare competente. Sarà la Commissione 1 ad occuparsene e sarà costituita in sede di questo consiglio”. La nomina del Comitato dei Garanti è rimandata dunque alla prossima seduta prevista per il 28 luglio.
In ultima fase la nomina delle Commissioni consiliari permanenti, quattro in tutto: la 1 si occuperà di Bilancio, regolamenti e sviluppo economico;  la 2 di Servizi sociali e Cultura; la 3 di Territorio, Urbanistica, Lavori Pubblici e Ambiente, la 4 di Controllo e Garanzia. Ciascuna commissione è composta da 14 consiglieri, di tutte le forze politiche presenti in Consiglio e divisi proporzionalmente rispettando rapporto tra maggioranza e minoranza.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*