Consulta per la Pace, il 6 gennaio dedicato a Giulio Regeni e il gemellaggio con Modica

Alice

JESI – Il lancio dei palloncini del 6 gennaio a Jesi è diventato ormai un rito per i piccoli jesini, ma anche per i più grandi, un po’ come i pop corn al cinema, non se ne può più fare a meno.

E quest’anno la Consulta per la Pace, con a capo Paolo Gubbi, ha pensato di affidare un tema alla giornata: verità per Giulio Regeni.

“Abbiamo fin da subito voluto sposare la nobile causa per la ricerca della verità sul mistero che ha sconvolto questa famiglia e ucciso quel ragazzo” commenta il vice sindaco Luca Butini a nome dell’Amministrazione comunale.

La Consulta per la Pace ha fatto recapitare una lettera di invito alla famiglia Regeni per la giornata per la pace di Jesi.  “La famiglia non ci ha ancora risposto – commenta Paolo Gubbi – ma comunque, a prescindere dalla loro presenza, che darà sicuramente uno spessore in più all’evento, il 6 gennaio lo dedicheremo a Giulio Regeni”.

Il 6 Gennaio con il lancio dei palloncini si celebra la giornata della Pace, che per la Consulta per la Pace rappresenta il momento clou di tutto l’anno, per tutto il lavoro svolto: come fosse un resoconto. E proprio in questa data dell’anno scorso, un palloncino lanciato dalla bambina Alice Pasquinelli è giunto sino a Modica, accolto da Andrea Pisana.

Da qui nasce l’idea di un gemellaggio tra Jesi e Modica che farà da protagonista per la Giornata del Donatore che si svolgerà domenica 15 ottobre. Lo scambio culturale vede l’arrivo della famiglia Pisana a Jesi venerdi 13 e la partenza prevista per lunedi 16. Giornate ricche di eventi e visite per la famiglia siciliana: visita guidata alla pinacoteca civica di Palazzo Pianetti, con i volontari Archeoclub di jesi faranno un giro per tutte le mura della città e del Torrione di Mezzogiorno con giro ronda, visita alle meraviglie delle Grotte di Frasassi, visita al Museo Stupor Mundi e alla Chiesa di San Marco.

La giornata di domenica 15 vedrà dunque lo svolgersi de “La giornata del Donatore” in cui l’Amministrazione comunale e l’AVIS di Jesi, incontreranno l’AVIS di Modica che verrà rappresentata dal Presidente Franco Tona, e il Vicesindaco di Modica Linguanti Giorgio. Si partirà alle 16 con la messa celebrata dal Vescovo nella Chiesa delle Grazie, da lì partirà un corteo fino  a raggiungere il monumento dei caduti sotto il Comune, per concludersi al Teatro Pergolesi in cui si celebrerà l’evento.

Il presidente dell’Avis di Jesi Bruno Dottori è in fermento per l’evento di domenica, in vista dei 70 anni di attività dell’Avis Jesi e del 90esimo dell’AVIS nazionale, nata proprio nelle Marche, in Ancona. “Per noi l’Avis non è solo donazione di sangue, è anche parte attiva nella società. È impegnata nel sociale e nella pace che per noi è integrazione, sviluppo, solidarietà. Il sangue non si versa, si dona. La giornata del donatore è quindi per noi molto importante, ed aggiungere il gemellaggio con la famiglia Pisana e l’AVIS di Modica, è per noi un onore, soprattutto perché sia Andrea, che il padre, che la moglie, sono tutti donatori di sangue: una bellissima coincidenza”.

Lunedì infine ci sarà il momento istituzionale dell’incontro tra la famiglia Pisana e la famiglia Pasquinelli di Jesi presso la scuola “Federico Conti” in cui si potranno finalmente vedere e non soltanto immaginarsi attraverso un biglietto attaccato ad un palloncino.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*