Dieci ore di emergenza simulata, positivi riscontri | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Dieci ore di emergenza simulata, positivi riscontri

JESI – Dieci ore di piena emergenza durante le quali si sono affrontati una esondazione del fiume con auto finita nelle acque e tre persone disperse, l’evacuazione di due famiglie da abitazioni raggiunte dalla piena dell’Esino e le relative azioni antisciacallaggio, la protezione di scantinati in zona Minonna con barriere per tenere lontano l’acqua, le verifiche statiche del ponte di via Marconi, una frana in zona Gangalia con una ulteriore persona dispersa, pericolose infiltrazioni all’ospedale Carlo Urbani, in Pinacoteca e  Biblioteca. Dieci ore in cui sono rimasti allestiti un campo base in piazzale D’Antona e due centri di primo soccorso a Minonna e all’ex Crt. Tutto monitorato dal Centro operativo comunale attivato al palasport, con la regia del Dipartimento regionale della protezione civile e del Comune di Jesi. In tutto oltre 150 uomini tra forze dell’ordine, vigili del fuoco, guardie forestali, croce rossa, volontari del soccorso, dipendenti comunali. Presenti anche sommozzatori ed unità cinofile.

È stata una esercitazione davvero importante e partecipata quella che ha interessato diversi quartieri di Jesi in questa giornata. Programmata in attuazione del Piano di emergenza comunale, è servita per mettere a punto il sistema organizzativo, verificare criticità e tenere ben preparati in maniera sinergica tutti gli operatori coinvolti.

Apprezzamento per l’efficienza e l’efficacia dimostrati è stato espresso dal Dipartimento regionale di protezione civile, mentre il sindaco Massimo Bacci, il vicesindaco Luca Butini  l’assessore alla protezione civile Mario Bucci hanno espresso un vivo ringraziamento a tutti i partecipanti. “Una grande professionalità ed un forte senso del dovere – ha sottolineato Bucci – che danno lustro alla nostra città in tutte le sue componenti deputate alla protezione civile. Continueremo a fare ulteriori esercitazioni, convinti che solo con una formazione costante si possa essere pronti ad affrontare le vere emergenze”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.