Elezioni 2017, cosa viene dopo il cambiamento? | | Password Magazine

Elezioni 2017, cosa viene dopo il cambiamento?

Il Corsivo di Marco Torcoletti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

IL CORSIVO di Marco Torcoletti – Bacci, fu vero cambiamento? Di sicuro, l’attuale sindaco seppe interpretare e dare voce ad una diffusa esigenza di svolta, sfuggita agli altri o interpretata in modo non altrettanto convincente. Da un punto di vista storico, il passaggio da un’epoca all’altra dipende dal prevalere degli elementi di discontinuità su quelli di continuità.

In questo senso, la mancata riconferma di un esponente della sinistra in favore di un insieme di liste civiche, guidate da un soggetto estraneo ai partiti, rappresentò una svolta significativa. La quale non va letta come una sconfitta della cultura di sinistra jesina, ancora forte di una spiccata identità, quanto come il risultato di una concomitanza di fattori, esterni ed interni. Nel 2012 un cambiamento non meno netto sarebbe stato l’affermarsi di un rappresentante dei partiti del Centro-destra, tale era (e probabilmente è ancora) la diffidenza di larga parte dell’elettorato jesino nei confronti di quest’area  politica. Non a caso, alle precedenti consultazioni Bacci evitò qualsiasi alleanza in tale direzione, mentre il suo rivale al ballottaggio fece di tutto per ricondurne lo schieramento entro tali confini. Dopo cinque anni, nel corso dei quali la conformazione stessa della società jesina è fortemente mutata, al di là delle ricette che ciascun candidato proporrà, a fare la differenza sarà la capacità di cogliere le nuove istanze provenienti dalla nostra gente, desiderosa più che mai di ritrovare delle certezze nei propri governanti. Dalle prime battute della presente campagna, lo hanno certamente colto sia il primo cittadino, che mette sul piatto progetti e propositi molto concreti, tanto da essere giudicati troppo ordinari da alcuni, sia Osvaldo Pirani. Infatti, il radiologo ha compreso come il primo passo da fare, per rivaleggiare virtuosamente con gli agguerriti avversari, sia restituire all’anima di sinistra jesina il senso di un’unità perduta, ancorché ritrovata a seguito di un percorso lento e travagliato. Poco produttiva, rispetto all’odierno contesto elettorale, mi pare invece la strategia del “voto contro”: chi pensasse di cavalcarla faccia attenzione, perché la zattera potrebbe appesantirsi oltremodo e portare tutti a fondo. Ma siamo solo all’inizio ed il bello deve ancora venire.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.