Automobilista preso a pugni e rapinato in strada, presi i due aggressori - Password Magazine

Festival Pergolesi

Automobilista preso a pugni e rapinato in strada, presi i due aggressori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Vede un giovane in mezzo alla strada, si ferma con l’auto, scende e viene rapinato. E’ accaduto nella tarda serata del 4 maggio scorso quando uno jesino 66enne, a bordo della sua utilitaria, alla vista di un ragazzo immobile in mezzo alla carreggiata è stato costretto a interrompere la corsa lungo l’asse sud, all’altezza della rotatoria prospicente il parco commerciale di via Gallodoro.

Disceso dal mezzo per chiedere le ragioni di tale pericolosa condotta, lo jesino è stato colpito da un violento pugno alla spalla sinistra, sferrato dal giovane: a seguito della percossa, il 66enne stramazzava al suolo, paralizzato dal dolore e dalla paura. Qualche istante dopo, l’uomo avvertiva il sopraggiungere di una autovettura ad alta velocità: fermatasi, udiva l’autista che invitava l’aggressore a sbrigarsi per non correre il rischio che la targa della propria autovettura venisse fotografata, L’aggressore, a quel punto, con un violento strattone, ha girato il malcapitato da supino a prono, con il volto aderente l’asfalto della strada, estraendo ed appropriandosi del portafogli custodito nella tasca posteriore dei suoi pantaloni: quindi, salito a bordo del veicolo condotto dal complice, si è allontanato ad alta velocità.

Il rapinato, ripresosi dallo choc dopo alcuni minuti, si rialzava dolorante e quindi si recava presso il commissariato di Polizia di Jesi. I poliziotti accompagnavano presso il Pronto soccorso dell’ospedale ‘Carlo Urbani’ dove l’uomo è stato medicato per traumi da percosse all’emi-costato bilaterale rachide cervicale e spalla sinistra.

Sulla base delle informazioni raccolte nella denuncia sporta, gli agenti, diretti dal vice questore Sica, hanno dato immediato avvio all’attività di indagine, coordinate in ogni fase dalla procura della repubblica del Tribunale di Ancona.

La zona, interessata dall’evento criminoso, è stata battuta progressivamente fino all’individuazione di telecamere private che hanno riscontrato la versione fornita dal rapinatore. Era necessario a quel punto, dare una identità ai due malviventi: ciò risultava possibile solo dopo conseguenti servizi di appostamento nella zona e di quelle immediatamente adiacenti, accertato che i due si erano recati in una vicina sala giochi, verosimilmente consumando così il provento dell’atto criminoso.

I numerosi servizi di appostamento effettuati dagli agenti del commissariato della Polizia di Jesi nel corso delle successive settimane hanno dato i frutti sperati: i due rapinatori infatti si sono ripresentati alla sala giochi, sempre con orario tardo-serale, dalle comparazioni delle risultanze fotografiche e dai mezzi di locomozione utilizzati i poliziotti sono riusciti a risalire alle loro identità: i due risultano entrambi 22enni, residenti in comuni diversi dalla Vallesina, già noti alle forze dell’ordine per trascorsi di reati contro il patrimonio e la persona. Il PM  titolare dell’indagine, attese le risultanze, ha emesso a quel punto decreti di perquisizione locale: eseguiti dal Commissariato di Jesi hanno consentito il sequestro di oggetti ritenuti pertinenti al reato. A entrambi ora è contestato il reato di rapina pluriaggravata in quanto commessa da più persone e in danno di persona ultra 65enne oltre a quello di lesioni aggravate, reato commesso per eseguire il reato più grave, appunto la rapina pluriaggravata.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.